×

Cos’è la brucellosi, malattia degli animali trasmissibile all’uomo

Condividi su Facebook

Cos'è e come si può trasmettere la brucellosi, malattia infettiva tipica degli animali d'allevamento che può però colpire anche l'essere umano.

Leggendo notizie che trattano di contaminazioni alimentari e dei successivi sequestri capita a volte di imbattersi nella parola brucellosi; termine indicante una malattia infettiva diffusa tra gli animali d’allevamento, ma anche tra cervi e cetacei, che in alcuni casi può venire trasmessa anche all’uomo, con sintomi variabili dalla semplice febbre fino al decesso nei casi più gravi.

Ma com’è possibile contrarre la brucellosi e in che modo la si può individuare una volta contagiati?

Brucellosi, cos’è?

La brucellosi, la quale deve il suo nome al microbiologo scozzese David Bruce che per primo la isolò nel 1886, è una cosiddetta zoonosi, cioè una malattia infettiva degli animali trasmissibile però anche agli esseri umani. Essa può venire scatenata da una delle sette diverse specie di batteri del genere Brucella, come la Brucella Abortus, la B.

Suis, la B. Ovis, la B. Neotomae, la B. Canis, la B. Maris e la B. Melitensis, quest’ultima prevalente sul territorio italiano e particolarmente pericolosa per le capre.

La malattia generata dal batterio, che nelle sue diverse specie, può colpire anche mucche, maiali, capre, pecore e cani, viene considerata un potenziale pericolo per la sanità pubblica sia per la possibilità che venga trasmessa all’uomo sia per i danni economico alla filiera agroalimentare che può provocare se diffusa all’interno degli allevamenti.

I sintomi nell’uomo

Nell’essere umano la brucellosi si presenta generalmente con sintomi simili a quelli di un’influenza, con febbre, mal di testa, mal di schiena e affaticamento generale. In forme più gravi o se non curata tempestivamente tuttavia, la brucellosi può portare anche a danni del sistema nervoso centrale, con febbri ricorrenti e dolori articolari nel caso dovesse diventare una malattia cronica. Nei casi estremi può anche sopraggiungere il decesso, la cui probabilità è però del 2% sul totale dei contagiati.

Solitamente la brucellosi viene curata con dei normali antibiotici, anche se in alcuni casi è necessario il ricovero ospedaliero.

Come si contrae

La brucellosi può essere contratta in due modi principali: cioè attraverso l’ingestione di alimenti infetti, come latte non pastorizzato, o attraverso il contatto diretto con animali contagiati. Un rischio quest’ultimo a cui sono esposto soprattutto i lavoratori agricoli, per i quali è sempre raccomandato di indossare guanti protettivi durante lo svolgimento delle loro mansioni.

Nato a Milano, classe 1993, è laureato in "Nuove Tecnologie dell’Arte" all’Accademia di Belle Arti di Brera. Prima di collaborare con Notizie.it ha scritto per Il Giornale.


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:
Jacopo Bongini

Nato a Milano, classe 1993, è laureato in "Nuove Tecnologie dell’Arte" all’Accademia di Belle Arti di Brera. Prima di collaborare con Notizie.it ha scritto per Il Giornale.

Leggi anche

Entire Digital Publishing - Learn to read again.