×

Coronavirus: come avviene il contagio in casa, al bar e a scuola

Condividi su Facebook

Come avviene il contagio in casa, a scuola e al bar e come mascherine e ventilazione possono aiutare a ridurre il rischio.

come ci si contagia al bar a scuola in casa

Come sottolineato da diversi esperti uno dei principali luoghi in cui ci si contagia è l’ambiente familiare, ma ci sono altri luoghi dove il rischio di contrarre l’infezione non è da sottovalutare: vediamo come avviene il contagio in casa, al bar e a scuola tramite tre infografiche realizzate da Notizie.it.

Come avviene il contagio in casa

Immaginando che quattro persone si trovino attorno ad un tavolo e una di esse sia positiva al coronavirus, se nessuno indossa la mascherinadopo quattro ore anche gli altri tre contrarranno l’infezione a causa della mancanza di protezioni e dell’esposizione prolungata. Se tutti indossano la mascherina, i contagi si riducono invece a due, vale a dire i soggetti immediatamente contigui al caso positivo.

Gli infetti potrebbero poi ridursi a uno nel caso in cui tutti i commensali indossino una protezione su naso e bocca, il locale sia ventilato e la durata dell’incontro si riduca da quattro a due ore.

contagio in casa

Come avviene il contagio al bar

Poniamo invece il caso che un cliente seduto al tavolo di un bar sia positivo all’infezione. Tenendo in considerazione un locale in cui ci sono dodici persone, si rispetta il distanziamento ma non c’è ventilazione, dopo quattro ore tutti i presenti risulterebbero contagiati. Se invece tutti i commensali inossassero la mascherina sarebbero la metà (sette) i soggetti positivi al virus. Tramite invece un’areazione del bar e una riduzione del tempo di permanenza si avrebbe un solo contagio.

contagio al bar

Come avviene il contagio a scuola

Per quanto riguarda il contagio a scuola, ipotizziamo che il professore di una classe con sedici alunni sia positivo e che il locale non sia ventilato.

Senza alcuna misura di protezione, vale a dire se nessuno indossa la mascherina, dopo due ore risulterebbero contagiati otto studenti. Se tutti invece indossassero un dispositivo che copra naso e bocca i contagi scenderebbero a tre. Qualora infine alle mascherine si aggiungesse una ventilazione ogni ora, ci sarebbe un solo ragazzo infettato.

contagio a scuola

Nata in provincia di Como, classe 1997, frequenta la facoltà di Lettere presso l'Università degli studi di Milano. Collabora con Notizie.it


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:
Debora Faravelli

Nata in provincia di Como, classe 1997, frequenta la facoltà di Lettere presso l'Università degli studi di Milano. Collabora con Notizie.it

Leggi anche

Contents.media