×

Vaccino Covid-19 della Pfizer: “Seconda dose entro 21-28 giorni”

Le raccomandazioni hanno un preciso obiettivo di carattere globale.

Vaccino Covid-19 della Pfizer

Il vaccino contro il Covid-19 della Pfizer-BioNTech va somministrato entro un periodo di 21-28 giorni: ad annunciarlo è stato l’Organizzazione Mondiale della Sanità. Si è tenuta nelle scorse ore una riunione a distanza per fare il punto sulla situazione.

La domanda sui vaccini è nel frattempo in costante aumento e i governi in questo senso si stanno muovendo per promuovere nuove misure volte a bloccare la diffusione del contagio.

Vaccino Covid-19 della Pfizer, la posizione dell’Oms

Secondo Alejandro Cravioto, presidente del gruppo che coordina gli esperti sul processo d’immunizzazione (SAGE), “è stato deliberato e diffusa una importante raccomandazione. Le dosi del vaccino Pfizer devono essere somministrate entro 21-28 giorni“.

La SAGE ha previsto di far slittare di almeno una settimana il vincolo di fornitura dei vaccini, in modo tale da consentire a più persone di beneficiare della prima dose. Questo è quanto dichiarato da Cravioto all’agenzia stampa Reuters.

Vista la disponibilità non illimitata del vaccino, almeno per il momento, SAGE ha raccomandato di non offrire la priorità ai viaggiatori internazionali, se non a quelli ad alto rischio come anziani e persone con gravi patologie.

Nel frattempo in alcuni Paesi la situazione è molto grave. Nel Regno Unito Boris Johnson ha annunciato un nuovo lockdown fino a metà febbraio. In Germania sono in corso delle valutazioni per estendere i provvedimenti attualmente in vigore. Il rischio della diffusione del contagio è molto alto e per questo la cancelliera Angela Merkel sta pensando a misure ancora più stringenti.

Contents.media
Ultima ora