×

Guariti possono essere reinfettati da varianti del Covid-19: lo studio

Condividi su Facebook

I soggetti che hanno contratto il Covid-19 e sono guariti potrebbero essere reinfettati da un'altra variante.

covid

Le persone che sono guarite dal Covid-19 potrebbero in qualsiasi momento essere reinfettate da un’altra variante del virus. Uno studio condotto dal Laboratorio Monoclonal Antibody Discovery (MAD) presso la Fondazione Toscana Life Sciences di Siena ha dimostrato infatti che alcune mutazioni riescono a resistere agli anticorpi prodotti da coloro che hanno avuto l’infezione con il ceppo originario.

Lo studio sugli anticorpi del Covid

Lo studio è stato effettuato da un team di ricerca internazionale guidato da scienziati italiani. Esso è stato condotto in laboratorio su del plasma altamente neutralizzante di un paziente positivo al Covid-19. Co-incubando ad esso il virus gli esperti hanno evidenziato che esso veniva facilmente sconfitto dagli anticorpi, ma che al tempo stesso per difendersi da questi generava delle significative mutazioni.

Tre delle mutazioni, in particolare, davano vita a una “variante completamente resistente alla neutralizzazione del plasma“.

Ciò in altre parole significa che tale variante avrebbe potuto infettare un paziente che nel recente passato è guarito dal virus, in quanto i suoi anticorpi a fronte di ciò non garantiscono l’immunità.

Le conseguenze sul vaccino

La buona notizia è che l’immunità fornita da un vaccino è molto più forte e sicura rispetto a quella naturale, in quanto “artificiale“. In merito, tuttavia, dovranno essere condotti ulteriori studi. A tal proposito il team di ricerca sta anche studiando degli anticorpi monoclonali ad hoc, ovvero delle immunoglobuline sintetiche ingegnerizzate in laboratorio che sembrano essere efficaci.

Il fatto molto rassicurante è che l’anticorpo che stiamo sviluppando è capace di neutralizzare la variante virale resistente all’immunità naturale. Questo non garantisce che sia in grado di neutralizzare tutte le varianti che potrebbero svilupparsi in futuro, ma è un segnale molto incoraggiante”, ha dichiarato il coordinatore Rino Rappuoli al Secolo XIX.

Nata a Palermo, classe 1998, è laureata in Scienze delle comunicazioni per i media e le istituzioni e iscritta all'Albo dei giornalisti pubblicisti. Prima di collaborare con Notizie.it ha scritto per Mediagol e itPalermo.


Contatti:
1 Commento
più vecchi
più recenti
Inline Feedbacks
View all comments
Manlio Amelio
8 Gennaio 2021 11:19

quando la gente si sveglierà sarà ormai troppo tardi…. sti provetti stregoni sparano cazzate a gogò, ma come si fa a dire che le difese artificiali sono meglio di quelli naturali quando proprio (Ippolito) scrive che la variante sudafricana potrebbe ridurre efficacia degli attuali vaccini?… oppure qualcuno vorrebbe cambiare i tempi di somministrazione della seconda dose non dopo 21 gg ma dopo12 settimane ( non si capisce in base a quali dati scientifici) oppure che il siero che producono loro “è capace di neutralizzare la variante virale resistente all’immunità naturale.” Solo dei babbei frenastenici possono credere alle cazzate che ci… Leggi il resto »


Contatti:
Chiara Ferrara

Nata a Palermo, classe 1998, è laureata in Scienze delle comunicazioni per i media e le istituzioni e iscritta all'Albo dei giornalisti pubblicisti. Prima di collaborare con Notizie.it ha scritto per Mediagol e itPalermo.

Leggi anche

Contents.media