×

Con mascherine e distanziamento influenza sparita Covid no: motivo

Condividi su Facebook

Le norme anti-contagio stanno funzionando contro l'influenza, come dimostrato dai dati di monitoraggio, ma non contro il Coronavirus.

Distanziamento
Distanziamento

L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha segnalato che l’incidenza dei casi di influenza stagionale è molto al di sotto degli anni precedenti. Sta accadendo anche in Italia, dove i dati del monitoraggio epidemiologico InfluNet dell’Istituto Superiore di Sanità indicano che l’incidenza di sindromi influenzali è al di sotto della soglia di base.

Perché l’influenza è sparita

Su un totale di 1.450 campioni clinici analizzati dall’inizio del monitoraggio, nessuna persona è risultata positiva ad un virus influenzale, anche se sono stati rilevati 201 casi di positività al Coronavirus. Questo dato conferma che la tanto temuta sovrapposizione di Covid-19 e influenza stagionale non sta avvenendo. Le norme di igiene e di contrasto della pandemia, come l’uso delle mascherine e il distanziamento, stanno fermando la diffusione dei virus influenzali ma non quella del Covid.

Secondo l’ultimo bollettino, sono oltre 560 mila i casi attualmente positivi, con un incremento quotidiano di contagi di 15mila casi al giorno. Questo dimostra che il Covid-19 non è poco più di un’influenza e che le norme anti-contagio non stanno funzionando bene. I virus dell’influenza sono molto meno contagiosi rispetto al Covid. Una misura approssimativa del livello di contagiosità è data dall’indice R0, numero di riproduzione di base che indica quante persone possono essere contagiate da un individuo infetto.

Si tratta di un parametro che misura la trasmissibilità di una malattia infettiva e che l’OMS ha iniziato a calcolare, stimando un R0 compreso tra 1,4 e 3,8 nelle aree più colpite durante la prima fase.

Questo valore, per quanto riguarda le nuove varianti, potrebbe essere tra lo 0,4 e lo 0,7 più alto rispetto alla versione originaria del virus. L’R0 in alcuni ceppi di Covid potrebbe superare il valore di 4. Per i ceppi di influenza stagionale l’indice R0 è stimato tra 0,9-2,1, per cui si tratta di un valore medio inferiore a quello del Coronavirus. Le misure di controllo possono influenzare la probabilità di trasmissione, riducendo l’indice di contagio. Un altro motivo per cui l’influenza sembra essere sparita è l’intensa campagna di vaccinazione che si è svolta durante l’autunno. Negli Stati Uniti, dove la percentuale di visite ambulatoriali per patologie influenzali è dell’1,6%, al di sotto della media stagionale degli altri anni, le autorità hanno riportato una distribuzione record di vaccini antinfluenzali. Per questo l’incidenza di casi di influenza è inferiore rispetto agli anni precedenti ed è attenuata ulteriormente dalle misure di prevenzione del contagio.

Nata a Genova, classe 1990, mamma con una grande passione per la scrittura e la lettura. Lavora nel mondo dell’editoria digitale da quasi dieci anni. Ha collaborato con Zenazone, con l’azienda Sorgente e con altri blog e testate giornalistiche. Attualmente scrive per MeteoWeek e per Notizie.it


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:
Chiara Nava

Nata a Genova, classe 1990, mamma con una grande passione per la scrittura e la lettura. Lavora nel mondo dell’editoria digitale da quasi dieci anni. Ha collaborato con Zenazone, con l’azienda Sorgente e con altri blog e testate giornalistiche. Attualmente scrive per MeteoWeek e per Notizie.it

Leggi anche

Contents.media