×

Pazienti Covid: insufficienti tachipirina e vigile attesa

L'Aifa aveva pubblicato un documento raccomandante tachipirina e 'vigile attesa' per i pazienti Covid lievi, ma il Tar ha bocciato la nota.

Pazienti Covid lievi

Non bastano tachipirina e “vigile attesa” per i pazienti Covid lievi a casa. L’esatto contrario del contenuto di un documento che l’Agenzia italiana del farmaco aveva pubblicato lo scorso dicembre. Il Tar ha bocciato la nota, dando ragione ad alcuni medici del Lazio che avevano presentare un ricorso riguardo la libertà di scelta dei farmaci da utilizzare nel corso della terapia.

Nella nota invalidata dal Tar, non veniva peraltro raccomandato l’uso di medicinali utilizzati solitamente sui pazienti Covid dai medici di medicina generale.

Tachipirina sui pazienti Covid: non basta

Non basta l’utilizzo di trattamenti sintomatici (come tachipirina e paracetamolo) sui pazienti Covid lievi e curati in casa. Lo ha espresso il Tar bocciando la nota pubblicata dall’Aifa lo scorso dicembre, in cui si consigliava, inoltre, una “vigile attesa”.

A opporsi a questa visione della terapia domiciliare nei confronti dei pazienti in questione è stato il Comitato Cura Domiciliare Covid-19. I medici hanno risposto alle indicazioni dell’Aifa con un ricorso, infine vinto. A testimoniarlo l’ordinanza pubblicata dal Tar del Lazio lo scorso 4 marzo.

Il documento dell’Aifa

Il documento Aifa respinto dal Tar era stato pubblicato in PDF sul sito ufficiale dell’agenzia. La nota porta il seguente titolo: “Principi di gestione dei casi COVID-19 nel setting domiciliare”.

Il PDF contiene raccomandazioni circa il “trattamento farmacologico domiciliare dei casi lievi e una panoramica generale delle linee di indirizzo AIFA sulle principali categorie di farmaci utilizzabili in questo setting”. Si parla di pazienti Covid lievi, secondo l’Aifa, quando i soggetti presentano sintomi quali cefalea, diarrea, tosse, perdita dell’olfatto e del gusto senza ulteriori cause spiegabili.

Sono nato a Capua il 4 Agosto 1988. Laureato in Filologia classica e moderna e iscritto all'Ordine dei giornalisti della Campania. Esperto di cronaca nera, sono cresciuto a pane e 'Chi l'ha visto?'. Collaboro con diverse testate giornalistiche online, tra cui Blasting News, Scuolainforma e, ovviamente, Notizie.it. Per il resto sono un semplice (e appassionato) docente di materie umanistiche alle superiori.


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:
Marco Della Corte

Sono nato a Capua il 4 Agosto 1988. Laureato in Filologia classica e moderna e iscritto all'Ordine dei giornalisti della Campania. Esperto di cronaca nera, sono cresciuto a pane e 'Chi l'ha visto?'. Collaboro con diverse testate giornalistiche online, tra cui Blasting News, Scuolainforma e, ovviamente, Notizie.it. Per il resto sono un semplice (e appassionato) docente di materie umanistiche alle superiori.

Leggi anche

Contents.media
Ultima ora