×

Salvi i tre alpinisti bloccati sul Monte Bianco, sono arrivati al rifugio

Salvi i tre alpinisti finlandesi bloccati sul Monte Bianco, sono arrivati al rifugio francese grazie alle indicazioni del Soccorso Alpino Valdostano

Un elicottero del Pghm di Chamonix in volo sul Monte Bianco

Salvi i tre alpinisti finlandesi bloccati dalla notte scorsa, quella del 2 ottobre, sul Monte Bianco a quota 4.700 metri, i tre sono arrivati al rifugio e sono scampati ad una tragedia grazie anche agli operatori del Soccorso Alpino Valdostano che li hanno guidati fino al bivacco “Vallot”.

Le agenzie fanno sapere che le ore della mattinata di oggi, 3 ottobre, sono state concitatissime: quando è arrivata la conferma che il Sav era riuscito a portare più a valle il terzetto di alpinisti è scattato il piano di volo di emergenza per l’elicottero in dotazione al team della Centrale unica del soccorso. 

Salvi i tre alpinisti bloccati sul Monte Bianco: erano a poco più di di cento metri dalla vetta più alta e fredda d’Europa

I tre erano rimasti bloccati praticamente a poco più di cento metri di dislivello dalla vetta della montagna più alta d’Europa nel tardo pomeriggio di sabato, sul versante italiano ma con possibilità di contatto e discesa anche con quello francese, a far la tara al maltempo praticamente perenne a quelle quote salvo i mesi pienamente estivi. La notizia del felice epilogo della vicenda dei tre alpinisti è stata confermata dagli esperti del Soccorso alpino della Valle d’Aosta

Dopo maltempo e temperature polari sono salvi i tre alpinisti bloccati sul Monte Bianco

I tre, non erano più riusciti a muoversi a causa del maltempo, poi era sopraggiunta l’oscurità e muoversi in quelle condizioni sarebbe stato un suicidio: l’unica era rischiare comunque aspettando l’alba in condizioni estreme lungo la famigerata “via dell’Innominata”. E seguendo con scrupolo le indicazioni del soccorso alpino i tre sono riusciti poco dopo l’alba a raggiungere il bivacco “Vallot” sul versante francese della montagna. Lì hanno riposato ed atteso operazioni di recupero.

Uno dei tre è andato in ipotermia a causa delle temperature polari della notte. 

Da Cahamonix ai colleghi italiani: il coordinamento salvifico per i tre alpinisti bloccati sul Monte Bianco

In gioco era entrato anche l’ente omologo francese, il Pghm di Chamonix, che ha un elicottero abilitato al volo notturno, tuttavia si era preferito desistere perché se il versante italiano era interessato dal maltempo quello francese dal maltempo era letteralmente flagellato. Una volta giunti al “Vallot” i tre sono stati recuperati in condizioni di sicurezza per loro stessi e per i soccorritori.

Contents.media
Ultima ora