×

Salvini commenta le violenze nel carcere di Santa Maria Capua Vetere: “Giustizia faccia il suo corso”

Matteo Salvini ha incontrato la direttrice del carcere Elisabetta Palmieri, dopo l'inchiesta sulle violenze ai danni dei detenuti del "Francesco Uccello"

Salvini commenta la vicenda del carcere di Santa Maria Capua Vetere

Il Leader della Lega, Matteo Salvini si è recato nella giornata del 1 luglio 2021 nel Casertano e più precisamente nei pressi della casa circondariale “Francesco Uccello” sita a Santa Maria Capua Vetere, qui ha incontrato la direttrice del carcere, Elisabetta Palmieri.

La visita di Salvini a Santa Maria Capua Vetere è avvenuta in seguito alla recente inchiesta emersa sulle violenze in carcere. In seguito al colloquio con la Direttrice, il leader della Lega ha rilasciato alcune importanti dichiarazioni sulla vicenda delle violenze perpetrate nei confronti dei detenuti.

Salvini sulle violenze in carcere: “Video sconvolgente”

Sta scatenando l’indignazione dell’opinione pubblica italiana e non, il video che mostra le violenze perpetrate ai danni dei detenuti della casa circondariale di Santa Maria Capua Vetere, a Caserta.

In seguito all’emergere della vicenda, il Leader della Lega, Matteo Salvini, si è recato nella giornata di giovedì 1 luglio 2021 proprio nei pressi della casa circondariale, per avere un colloquio diretto con la Direttrice del carcere, Elisabetta Palmieri.

Salvini, dopo aver visionato le registrazioni dei sistemi di videosorveglianza del carcere, che mostrano le violenze sui detenuti e gli atti d’inchiesta della Procura, non ha mancato di esprimere la sua indignazione per la triste vicenda che coinvolge ben 52 agenti penitenziari, attualmente sospesi dal servizio.

Il Leader della Lega si è così espresso sul video in questione: “Quando ho visto il video sono rimasto sconvolto”.

Salvini e le violenze in carcere: “La giustizia faccia il suo corso”

Salvini dopo essersi recato nella casa circondariale di Santa Maria Capua Vetere per il colloquio con la Direttrice del carcere, al termine dello stesso ha rilasciato alcune importanti dichiarazioni in merito al motivo della sua visita e sugli agenti della Polizia Penitenziaria in generale, ecco cosa ha detto nello specifico ai giornalisti:

“Ritenevo mio dovere essere qua a ricordare che chi sbaglia paga, anche e soprattutto se indossa una divisa, questo però non vuol dire infamare e mettere a rischio la vita di 40mila donne e uomini del Corpo della Polizia Penitenziaria che rendono questo Paese un Paese più sicuro”.

E ancora:

“La giustizia faccia il suo corso e se ci sono stati abusi e violenze vanno puniti, però non accetto le minacce di morte che stanno arrivando, gli insulti, gli attacchi anche da parte di clan della camorra. Se c’è un 1% di forze dell’ordine che sbaglia va punito. Quindi se c’è stato qualche detenuto che è stato oggetto di violenza è inaccettabile, perchè il carcere deve essere un luogo sicuro, quindi le scuse alle famiglie sono sacrosante e dovute”.

Salvini sulle violenze in carcere e la Penitenziaria

Nel corso dell’intervista rilasciata in seguito alla sua visita al carcere di Santa Maria Capua Vetere, Matteo Salvini ha espresso anche alcune considerazioni in merito alla possibilità di sfruttare questa vicenda, come uno strumento per riflettere sulla necessità di migliorare il sistema penitenziario e apportare novità anche nel campo proprio della Polizia Penitenziaria. Ecco cosa ha dichiarato a riguardo:

“Mettetevi nei panni però di uomini e donne che, all’Ucciardone, a Regina Coeli, a Santa Maria, a Milano, in Puglia e in Sardegna, devono fare i poliziotti, gli psicologi, gli assistenti sociali, i medici, gli educatori. Si tratta di un disastro e di una sconfitta dello Stato, che serva per nuove assunzioni, per la revisione delle piante organiche, per nuove divise, per nuove telecamere e per nuovi strumenti di difesa e di dialogo”.

Contents.media
Ultima ora