Samuele Bersani: vita e altre curiosità
Samuele Bersani: vita e altre curiosità
Musica

Samuele Bersani: vita e altre curiosità

Dopo un anno e mezzo, è tornato sul palco dell’Auditorium Parco della Musica di Roma, il cantautore bolognese Samuele Bersani con il tour “La fortuna che abbiamo”

Nato a Rimini nel 1970, Samuele Bersani è un popolare cantautore italiano, è uno dei cantanti italiani che ha ricevuto il maggior numero di riconoscimenti da parte del Club Tenco, con tre Targhe Tenco. Dopo un’iniziale gavetta di concorsi musicali, Samuele Bersani si trasferisce a Bologna dove viene notato dal celebre cantante Lucio Dalla che nell’anno 1991, lo fa esibire in apertura di ogni concerto. Di certo Samuele non si lascia sfuggire l’occasione propizia e propone il proprio brano Il mostro. Il singolo precede il disco C’hanno preso tutto, che esce l’anno seguente. Il successo è immediato grazie alla canzone Chicco e Spillo che spopola e rimbomba nelle radio durante la stagione estiva.

Nel 1995 esce Freak, il secondo album di Bersani, si stima che siano state commercializzate oltre 150.000 copie vendute e 56 settimane consecutive nella top 100 FIMI/Nielsen.

Nel corso della sua carriera da cantante, Bersani scrive per Lucio Dalla il testo di Canzone. Il terzo album dell’artista è intitolato spartanamente con tre asterischi, il disco viene anticipato dal singolo Coccodrilli. La compilation contiene Giudizi universali, uno dei brani più intensi scritti da Samuele con il quale si aggiudica il Premio Lunezia come miglior testo. Nel 2000 Bersani partecipa al Festival di Sanremo, all’interno della categoria “Big” con la canzone Replay, la quale si classifica al 5º posto ed ottiene il Premio della critica ‘Mia Martini’. Le canzoni del suo album L’oroscopo speciale sono state la colonna sonora del film Chiedimi se sono felice, scritto dal trio comico Aldo, Giovanni e Giacomo. Anche il brano Siamo gatti è stata la colonna sonora del film Storia di una gabbianella e del gatto che le insegnò a volare.

Nel 2002 Bersani pubblica la sua prima raccolta, intitolata Che vita! Inoltre, il successo non finisce qui, Bersani collabora con altri artisti, soprattutto grandi cantanti della musica italiana come Mina, Ornella Vanoni e Fiorella Mannoia.

Pubblica Caramella smog, esce con Seguendo Virgilio – dentro e fuori il Quartetto Cetra. Il 30 giugno 2006 esce la raccolta Innocenti evasioni 2006, tributo a Lucio Battisti con brani musicali interpretati da alcuni tra i maggiori cantanti italiani (Enrico Ruggeri, Nomadi, Raf e Piero Pelù). L’anno seguente Samuele Bersani vince il Premio Amnesty Italia, assegnato dalla sezione italiana di Amnesty International e da Voci per la libertà con la canzone Occhiali rotti. Nel 2013 esce con l’album Nuvola numero nove e il 3 giugno 2016 è uscito l’album La fortuna che abbiamo (Live).

Samuele Bersani dall’Auditorium Parco della Musica di Roma impegnato nel suo tour “La fortuna che abbiamo”, coglie l’occasione per raccontare il difficile periodo che ha passato: “In questo anno e mezzo ho avuto paura di non riuscire più a cantare. Una paura legittima visto quello che mi è successo. Per provare a immaginarla bisogna pensare a uno che fa sport e che per un incidente o per un banale motivo si trovi di colpo a rinunciare a ciò che sa fare e che ha sempre fatto.

Ma la cosa più difficile per me che sono un emotivo, anche un po’ piagnone, è stato immaginare di non poter più vedere in faccia il mio pubblico. Certo, potevo vedervi sul computer, dentro un quadratino, ma francamente non è la stessa cosa. L’idea di avervi davanti a me questa sera è una grande emozione che faccio anche un po’ fatica a gestire“.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche