×

San Pietroburgo impone ticket d’ingresso ai turisti

Condividi su Facebook
san-pietroburgo

Per entrare a San Pietroburgo d’ora in poi forse sarà necessario pagare un ticket d’ingresso. L’amministrazione comunale cerca fondi, e lo fa tra i turisti. Capita sempre in ogni città, in quelle russe in particolar modo, in costante ricerca di fondi. Nel 1931 c’è chi per recuperarli s’inventò la tassa sui balconi, qualche anno fa l’ecopass per gli automobilisti. Ora Valentina Mativienko, sindaco della più europea tra le città russe, prova ora a cercare nelle tasche dei turisti: la governatrice ha infatti proposto di introdurre una tassa “simbolica” per tutti i viaggiatori che visitano l’antica capitale degli zar, circa due euro ognuno, che verranno destinati alla conservazione e al restauro dei monumenti, come riferisce l’agenzia Interfax.

Una tassa analoga esiste già in alcune città europee.
Le commissioni competenti sono già al lavoro per esaminare la proposta e presentarla a livello federale.
Sorridiamo certo, senza considerare la noia intrinseca di una tassa, in una città in cui per i turisti tutto costa già molto di più rispetto agli autoctoni, compresi l’ingresso a musei e teatri.
Il giro d’affari è potenzialmente enorme, considerato che solo quest’anno San Pietroburgo è stata visitata da cinque milioni di turisti, tra stranieri e russi, di cui ben 420mila a bordo di crociere.

Settimana a San Pietroburgo, dove dormire?

Scrivi un commento

1000

Leggi anche

Entire Digital Publishing - Learn to read again.