×

Santoro di nuovo sospeso

Condividi su Facebook

In mattinata è stata ufficializzata dal direttore generale della Rai, Mauro Masi, la decisione di sospensione e mancata retribuzione di 10 giorni per Michele Santoro colpevole -a suo dire-di averlo apostrofato con un «vaffan…bicchiere» in diretta televisiva lo scorso 23 settembre, in occasione della prima di «Annozero». E ieri, nella stanza del direttore generale – dopo tre settimane di ipotesi e ventilate sanzioni – il Dg da un lato, e gli avvocati dello «Studio legale Pessi» dall’altro avrebbero trovato la giusta sanzione disciplinare da infliggere al conduttore di «Annozero».

Non il licenziamento (che Masi aveva ventilato), perché i consiglieri della Rai non sono mai sembrati inclini all’ipotesi, ma la sospensione di una o due, puntate, cioè la massima punizione possibile.
Un’operazione ardita, dal momento che sia i consiglieri di centro-sinistra che quelli di centro-destra della Tv pubblica (che pure avevano censurato le considerazioni del giornalista) avevano fatto capire di essere contrari.

Mauro Masi però precisa : “ Il provvedimento disciplinare adottato nei confronti di Michele Santoro non può essere in alcun modo considerato riconducibile ad iniziative editoriali tendenti a limitare la libertà di espressione o il diritto di critica.

Santoro si è reso responsabile di due violazioni disciplinari ben precise : l’uso del mezzo televisivo a fini personali eun attacco diretto e gratuitamente offensivo al Direttore Generale, per una circolare a garanzia dell’equilibrio all’interno dei programmi di approfondimento informativo, che è stata approvata dal Consiglio di Amministrazione“. “Nessuna censura, ribadisco – aggiunge il dg -, nessun attentato alla libertà di informazione”

Scrivi un commento

1000

Leggi anche