Sarà Maria Nicotra il commissario del Cara di Mineo
Sarà Maria Nicotra il commissario del Cara di Mineo
News

Sarà Maria Nicotra il commissario del Cara di Mineo

Dopo l’intervento del presidente dell’autorità anticorruzione, Raffaele Cantone, il prefetto di Catania, Maria Guia Federico, ha provveduto alla nomina del commissario straordinario per l’appalto di servizi e gestione del Cara di Mineo, conferendo all’ex avvocato dello Stato, Maria Nicotra, l’importante carica che dovrà adesso occuparsi della gestione dell’importante struttura siciliana di accoglienza per immigrati. La nomina di un commissario si è resa necessaria a causa delle gravi irregolarità riscontrate dalla magistratura nell’assegnazione degli appalti inerenti la gestione dei servizi della struttura di accoglienza.

L’Autorità Anticorruzione, nel mese di marzo, aveva proceduto ad avvisare le procure di Caltagirone e Catania sulla illegittimità e la poca trasparenza del bando di gara, inviando apposita documentazione.

Secondo l’Autorità la procedura di assegnazione presentava gravi incongruenze, assegnando “appalti differenti che avrebbero dovuto essere aggiudicati con separate procedure di gara ovvero con una ragionevole suddivisione in lotti” tenuto conto della “eterogeneità dei servizi richiesti che avrebbero potuto essere messi a gara come lotti funzionali autonomi”.

L’anomala assegnazione con un’unica procedura di gara nell’assegnazione di tutti gli appalti inerenti la gestione amministrativa, sanitaria, ristorativa e quella della pulizia, aveva generato un meccanismo in aperto contrasto “con i principi economicità, efficacia, imparzialità, parità di trattamento, trasparenza e proporzionalità” ai quali la gestione di una struttura come il Cara non può sottrarsi.

Leggi anche