×

Sarabanda: il programma con Enrico Papi torna in tv

Tempo di revival, in casa Mediaset. Secondo le ultime voci, a giugno, dovrebbe ritornare "Sarabanda", con tre nuove puntate, in prima serata, su Italia1.

Sarabanda: il programma con Enrico Papi torna in tv
Sarabanda: il programma con Enrico Papi torna in tv

Enrico Papi è pronto a fare ritorno in tv con il celebre programmaSarabanda“. L’occasione è quella del ventennale della nascita della trasmissione. Lo storico conduttore, sempre molto amato dal pubblico italiano, ha appena debuttato con il nuovo singolo “Monseca”. Una hit dove, guarda caso, non sono mancati i riferimenti al programma dedicato alla musica. Su YouTube, il video della canzone, in soli tre giorni, ha conquistato ben 1 milione e 300 mila visualizzazioni. Un trend che, inutile dirlo, è in continua crescita. Il brano richiama il motto che fu proprio di “Sarabanda”. Che possa essere la sigla della nuova edizione del suo show? Lo scopriremo molto presto, dal momento in cui l’appuntamento con il quiz è fissato per giungo, su Italia1 e in prima serata.

Papi non ha mai fatto mistero della sua volontà di tornare al timone della trasmissione.

“Mi piacerebbe molto creare un grande evento per l’anniversario del programma – aveva dichiarato tempo fa – Una prima serata con ospiti, storici campioni e, ovviamente, tanto divertimento”. E su Facebook, era stata creata addirittura una petizione per chiederne il ritorno. Papi, cogliendo la palla al balzo, aveva diffuso la notizia sul suo profilo Instagram. Non resta che attendere ancora qualche mese. Perchè “Sarabanda” ha tutte le carte in regola per ritornare. Davvero.

“Sarabanda”, fiore all’occhiello di Mediaset

sarabanda

“Sarabanda” è stato un programma televisivo nato e proposto come un varietà, ma successivamente diventato gioco musicale a premi. La conduzione era di Enrico Papi e andò in onda su Italia 1, dall’8 settembre 1997 al 20 febbraio 2004. Successivamente a una prima chiusura, il programma è poi ripreso dal 14 marzo al 10 aprile 2005, con la nuova formula di “Super Sarabanda”, un torneo tra i campioni più rappresentativi della trasmissione. Infine, è stato riproposto dall’8 giugno al 30 agosto 2009, su Canale 5, ma nella fascia preserale. In quella occasione, venne presentato da Teo Mammucari e con la partecipazione di Belén Rodríguez.

sarabanda

Con all’attivo 1727 puntate e oltre 17 speciali in prima serata, “Sarabanda” è, in assoluto, il quiz a tema musicale più duraturo nella storia della televisione italiana, nonché uno tra i giochi a premi televisivi italiani più longevi.

sarabandaPerchè fu un successone? Perchè, per la prima volta, la musica aveva una dignità televisiva come molti altri argomenti di cultura generale. Anzi, diventava addirittura colonna portante del quiz, antesignano dei futuri talent show. Ve li ricordate i concorrenti? Cyborg Valentina o l’Uomo Gatto, ad esempio. La vera forza di “Sarabanda” stava proprio nell’aver creato una sorta di epopea popolata di eroi della musica.

Che fine ha fatto l’Uomo Gatto?

L’Uomo Gatto, nel 2002, vinse ben 80 puntate di seguito a “Sarabanda”. Timido, camicie sgargianti e una cultura musicale davvero immensa, entrò nel cuore di tutti gli italiani. Si chiama Gabriele Sbattella, classe 1971, ed è di Sant’Elpidio a Mare. Laureato in Lingue e con un passato da animatore turistico, oggi è molto attivo sui social. Gabriele continua a lavorare come interprete e giornalista freelance, occupandosi soprattutto di calcio. In rete, inoltre, ha un blog personale e un profilo twitter sempre molto aggiornato. Ogni tanto, partecipa a serate e dj set in giro per l’Italia ed è stato anche ospite di Gerry Scotti a “Caduta Libera”. Il suo sogno? Partecipare a un reality show musicale.

1
Scrivi un commento

300
1 Discussioni
0 Risposte alle discussioni
0 Follower
 
Commenti con più reazioni
Discussioni più accese
1 Commentatori
più recenti più vecchi
fede

Ogni volta che mi capita di leggere articoli con personaggi conosciuti come Enrico papi ed il mitico Uomo Gatto di sarabanda entrambi con una passata esperienza da animatori turistici, a me viene un po’ di nostalgia infatti tanti fa anche io ho avuto il piacere di fare questo lavoro. Cominciai come animatore per bambini in feste di compleanno e poi in estate, operavo in centri estivi, ma l’esperienza che più mi è rimasta nel cuore, fu quando feci l’animatore turistico, indossare quella divisa fu per me una sensazione unica, è un’ esperienza che invito i giovani a fare, certo non… Leggi il resto »

Leggi anche