×

Sardegna, il governatore Solinas commenta il passaggio in zona rossa

Il governatore Solinas ha commentato il passaggio della Sardegna in zona rossa, durante la visita all'hub di Quartu S.Elena

sardegna in zona rossa, solinas commenta la decisione del governo

Durante la visita di innaugurazione dell‘hub di Quartu S.Elena, il governatore della Sardegna, Christian Solinas , ha voluto commentare la decisione dle governo centrale di porre la Sardegna in zona rossa per le prossime due settimane.

Sardegna in zona rossa: le parole del governatore Solinas

Da lunedì 12 Aprile, la regione Sardegna passerà in zona rossa, con tutte le limitazioni del caso. A commentare la decisione del governo, le parole del governatore Christian Solinas:- “Purtroppo paghiamo una diffusione virale che ha camminato sulle gambe delle persone. Non dobbiamo nasconderci dietro un dito, alcuni atteggiamenti non sono stati propriamente responsabili. Sono dati riferiti a due settimane fa, ma abbiamo i dati dell’ultima settimana che ci dice che il contenimento è già in atto e si stanno riducendo i numeri”.

 

Poi continua: -“A tutti i cittadini, ai ragazzi, alle persone che per ovvie ragioni devono poter lavorare, muoversi e spostarsi: manteniamo tutte le cautele e le norme di distanziamento e di igienizzazione delle mani, usiamo le mascherine perché dipende da noi il contenimento della diffusione virale e il poter tornare quanto prima ad una riapertura di tutti gli esercizi. 

Se i comportamenti saranno corretti potremo uscire rapidamente da questa situazione.

Infine chiarisco che non c’è alcuna correlazione tra l’aumento dei contagi e la campagna vaccinale, visto che i nuovi contagiati hanno un’età media ben al di sotto degli over 80 e degli anziani che stanno ricevendo le somministrazioni”.

Le vaccinazioni nell’isola

Per quanto concerne le vaccinazioni nell’isola e in particolare, l’obiettivo fissato dal generale Figliuolo sul numero di dosi giornaliere che la regione dovrebbe inoculare, il presidente Solinas ha tenuto a precisare che: -“Ieri abbiamo rispettato il target di 10-11mila vaccini inoculati, puntiamo ad accelerare. Stiamo collaborando con tutte le associazioni del terzo settore e i militari dopo l’accordo con l’esercito. Contiamo di arrivare a metà mese alle 12mila vaccinazioni, e a fine mese se arriveranno i vaccini necessari a 17mila.”

Sull’accordo invece raggiunto con i farmacisti e i medici di base: -“E’ stato sottoscritto. Purtroppo devo riscontrare che c’è una lentezza nell’attuazione. Faccio appello ai tanti medici di medicina generale perché si iscrivano alla piattaforma regionale e ci diano una grande mano. Loro possono farci fare il salto di qualità, sono 1.200 in tutto il territorio regionale e se ognuno di loro facesse 10 vaccini avremmo 12mila vaccinati al giorno in più”.


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:

Leggi anche

Articoli Correlati

Contents.media
Ultima ora