×

Sardegna, serve tampone e Green pass per entrare? Tutte le novità per i turisti a partire da mercoledì 16 giugno

La Sardegna si adegua al resto del territorio nazionale e modifica le norme per l'ingresso sull'isola: servirà ancora il green pass?

Sardegna green pass

A partire da mercoledì 16 giugno i turisti che si recano in Sardegna non sono più obbligati a registrarsi sul sito della Regione o a possedere il cosiddetto green pass: essendo in zona bianca si potrà liberamente sbarcare sull’isola.

Sardegna: addio al green pass

Con questa decisione il territorio sardo si uniforma al resto d’Italia dove, in assenza di zone rosse o arancioni, è possibile muoversi senza restrizioni né certificazioni da una regione all’altra. Fino a prima di tale data la Sardegna aveva invece dei rigidi protocollo di ingresso che prevedevano la registrazione sul sito della Regione o tramite l’app Sardegna Sicura e il possesso del certificato verde che dimostrasse l’avvenuta vaccinazione contro il Covid, la guarigione dall’infezione o la negatività dimostrata da un tamone effettuato entro le 48 ore antecedenti.

Tutte norme che erano rimaste in vigore anche dopo il 31 maggio, data in cui la regione era passata in zona bianca. Il governatore Christan Solinas ha però deciso di non rinnovarle, permettendo quindi la libera circolazione dei turisti dalle altre regioni. Dunque non sarà più necessario neanche per chi sbarca con aereo o nave registrarsi sul sito o possedere il pass.

Sardegna: addio al green pass e ai 20 mq per cliente al ristorante

Oltre a ciò, sullisola decade anche un’altra norma che aveva suscitato le proteste dei ristoratori, quella che prevedeva la misurazione dello spazio di venti metri cubi d’aria per ogni cliente di locali al chiuso. Una norma impossibile da rispettare e che nessuno era in grado di controllare. Anche da questo punto di vista la Sardegna si adegua quindi al resto d’Italia lasciando resta in vigore la norma che prevede il numero massimo di sei persone per chi siede al tavolo all’interno di un locale.

Nessun limite è invece previsto all’esterno.

Sardegna, addio al green pass: quando serve

Attualmente il green pass serve per viaggiare dentro l’Italia e raggiungere zone arancioni e rosse. Il suo utilizzo è poi esteso alla partecipazione a feste legate a cerimonie come i matrimoni e all’accesso in alcune Rsa e ospedali. L’ipotesi è quella di utilizzarlo anche per concerti, partite di calcio, convegni, fiere o per recarsi in discoteca in modo da ridurre al minimo il rischio contagio tra i presenti.

Contents.media
Ultima ora