×

Savona, identificate le due vittime dell’omicidio-suicidio: il marito ha lasciato un bigliettino

Dopo aver ucciso la moglie, il marito ha lasciato un bigliettino. La dinamica e il movente dell'omicidio-suicidio avvenuto a Savona.

Polizia

È stata svelata l’identità il presunto movente dietro l’omicido-suicidio avvenuto ieri a Savona. Il ritrovamente dei corpi è avvenuto ieri, 3 luglio 2022, alle 15.30 circa. Gli inquirenti pensano che la donna sia stata uccisa anche qualche giorno prima.

Savone, le vittime dell’omicidio-sucidio e la dinamica

Antonino Santangelo, 64 anni, ha ucciso con due coltellate la moglie, Nadia Sanatta, 57 anni. Come riporta il quotidiano ll Mattino, la donna aveva una ferita alla schiena e una all’altezza dell’orecchio sinistro. La tragedia è avvenuta nella casa dei due coniugi. Santangelo, dopo aver accoltellato la moglie, ha vegliato su di lei forse per almeno 24 ore. Non si eslude l’ipotesi che Sanatta possa essere stata uccisa già il giorno prima.

L’omicida, dopo aver avvolto la donna in un tappeto ed averla stesa sul loro letto, si è lanciato da una finestra dal quinto piano.

Il bigliettino lasciato dal marito di Nadia e il movente

Sulla scena dell’omicidio-suicidio la polizia scientifica ha trovato un bigliettino d’addio scritto da Antonino Santangelo che recita: “Raggiungo la mamma“. Quelle tre parole erano rivolte ai due figli della coppia. Sembra che il movente sia dato dal fatto che Antonino non si fosse rassegnato alla fine del rapporto con la moglie .

Amici e parenti sono sconvolti perchè hanno parlato di loro come una coppia affiatata. Il Comune di Savona, dove lavorava Nadia Sanatta, è a lutto ed il sindaco Marco Russo si è unito al dolore dei familiari dei due coniugi.

Contents.media
Ultima ora