> > Savona: quattro turisti in acqua nonostante la mareggiata. Un morto

Savona: quattro turisti in acqua nonostante la mareggiata. Un morto

Savona

A Savona, a causa di una mareggiata, quattro turisti che facevano il bagno hanno rischiato la vita. Uno di loro è morto annegato.

I turisti in acqua

Tutte le coste della Liguria sono battute dal mare estremamente mosso. E’ molto pericoloso avventurarsi in acqua con una mareggiata simile, anche se si è dei buoni nuotatori. Ma nel pomeriggio di giovedì a Savona quattro turisti hanno deciso lo stesso di tentare la sorte e si sono gettati in acqua nonostante la mareggiata. Si trovavano sulla spiaggia del Prolungamento a Savona. Nonostante il mare molto mosso, i quattro turisti sono stati gli unici ad avere il coraggio di buttarsi, ma l’hanno pagata molto cara.

Sono stati recuperati solo grazie al soccorso del 118, dei vigili del fuoco e della capitaneria di porto. Alcuni bagnanti sono stati in grado di riuscire a salvare due dei turisti che si erano avventurati in acqua. Il terzo, un 22enne dell’entroterra savonese, è stato raccolto al largo dall’elicottero della capitaneria di porto.

Morto il turista da Torino

Il ragazzo di 22 anni ora si trova in ospedale con un principio di annegamento, ma chi ha subito il peggio è stato il quarto turista.

Un turista da Torino, di 58 anni, venuto in spiaggia insieme alla compagna. L’uomo, purtroppo, non ce l’ha fatta ed è annegato. Il suo corpo è stato recuperato dai soccorritori e portato sulla spiaggia di Savona. Persino i soccorritori hanno rischiato la vita per recuperare il corpo, poiché hanno rischiato di vedere capovolto il gommone usato per raggiungere il turista torinese. Poi è stato trasportato all’obitorio dell’ospedale, per metterlo a disposizione delle Autorità giudiziarie.

La compagna dell’uomo morto, scossa per l’accaduto, non ha avuto nemmeno la forza di fare il riconoscimento del cadavere, necessario al completamento delle formalità. L’uomo, di origini moldave, e la compagna erano in vacanza in Liguria insieme a un gruppo di amici.

L’inchiesta

Attualmente l’Autorità Giudiziaria di Savona si sta impegnando a raccogliere tutti i dati: le testimonianze degli altri turisti sulla spiaggia, le condizioni meteo annunciate dalla capitaneria.

Ma soprattutto sarà necessario capire se era stato posto un divieto di balneazione per le condizioni del mare. Come, ad esempio, è accaduto a Cogoleto dove due turiste hanno rischiato l’annegamento. Sono state salvate, per loro fortuna, dai due baristi che le hanno viste in difficoltà. In mancanza del coraggio dei due gestori del chiosco le due ragazze avrebbero anche potuto perdere la vita, visto che sulla spiaggia vi erano cartelli che segnalavano la mancanza di soccorso in mare. Per cautela, viste le mareggiate in tutta la Liguria, Valentina Ghio, sindaco di Sestri Levante, ha deciso di mettere il divieto di accesso alle spiagge libere di S. Anna e Borgo Rena. Negli stabilimenti è stata issata bandiera rossa. Fin quando non saranno finite con certezza tutte le mareggiate in Liguria, sarà necessario prestare attenzione ai bagnanti anche nei lidi. E’ sconsigliato entrare in acqua se si vede il mare ancora eccessivamente mosso.

(Un’altra morte ha sconvolto l’Italia: “Morto il pompiere Nando, soccorritore di Alfredino Rampi nel pozzo di Vermicino“)