> > Scadenze fiscali gennaio 2023: a cosa fare attenzione

Scadenze fiscali gennaio 2023: a cosa fare attenzione

scadenze fiscali

Quarta rata Inps per Colf e badanti, elenchi Intrastat, esonero canone Rai e altro ancora: tutte le scadenze fiscali di gennaio 2023.

Entro la fine del mese sono previste diverse scadenze fiscali, dall’esonero del Canone Rai fino ad alcuni aiuti dello Stato: ecco cosa c’è da sapere.

Quarta rata per colf e badanti ed elenchi riepilogativi Intrastat

Come di consueto, a gennaio si concentrano parecchie scadenze fiscali, soprattutto nella seconda metà del mese. Il primo appuntamento è il 10 gennaio e riguarda i datori di lavoro domestico: va infatti saldata la quarta rata dei contributi Inps per colf e badanti.

Inoltre, entro il 25 gennaio vanno inviati in via telematica gli elenchi riepilogativi Intrastat per le cessioni e gli acquisti intracomunitari di beni e per le prestazioni di servizi rese e ricevute a e da soggetti passivi Ue.

31 gennaio: deadline per canone Rai e aiuti statali

Dopo questi appuntamenti, si passa a fine mese, in cui si concentrano la maggior parte delle scadenze fiscali di gennaio: entro il 31 chi ha beneficiato degli Aiuti di Stato deve presentare l’autodichiarazione. Stessa scadenza anche per presentare la domanda per l’esonero dal pagamento del canone Rai, qualora non si possegga il televisore in nessuna delle abitazioni intestate.

L’ultimo appuntamento del mese, in scadenza sempre il 31 gennaio, riguarda l’invio dei dati relativi alla cessione di beni e altre prestazioni di servizi effettuate e ricevute da e verso soggetti stabiliti fuori dal territorio dello Stato.

I dati dell’esterometro da inviare riguardano l’ultimo trimestre del 2022.