×

Scandalo alla diossina in tutta Europa

Condividi su Facebook

Negli ultimi giorni i consumatori di tutta Europa sono stati allarmati dalla denuncia di elevate quantità di diossina nelle uova prodotte in Germania. Le autorità sanitarie hanno già chiuso 4.709 allevamenti di polli e maiali nell’attesa degli accertamenti. Sarebbero state contaminate anche 527 tonnellate di mangime.
Il settore in Germania era già in calo, e con questo scandalo ha ricevuto un ulteriore colpo.

Esiste però una società precisa sotto accusa, la Harles & Jentzsch, che ha confessato di “correggere” i mangimi con residui di olio biodiesel. Già dallo scorso marzo la società sapeva che i propri grassi alimentari contenevano elevati livelli di diossina, ma il ministro dell’Agricoltura del Land Schleswifg-Holstein è stato informato solo a dicembre.

Fortunatamente, se così si può dire, la percentuale di diossina contenuta nelle uova non è pericolosa per la vita umana, perciò sarebbe necessario consumare qualche dozzina di uova per raggiungere una concentrazione pericolosa nell’uomo, ma siamo pur sempre a un livello 3-4 volte superiore alla soglia consentita.

Il problema si sta diffondendo: il mangime “tossico” potrebbe essere stato venduto ad allevatori di bovini, portando così alla produzione di latte contaminato, anch’esso finito nei supermercati.

Un’ipotesi non da sottovalutare, poiché negli animali la diossina si deposita nelle parti grasse, quindi anche nel latte.
Per quanto riguarda le esportazioni, sembra che dalla Germania siano partiti solo due lotti di uova: uno verso l’Olanda e uno verso la Gran Bretagna.

Che cos’è la diossina e perché è pericolosa?
Si tratta di una sostanza tossica non presente in natura. Il direttore del laboratorio di misure ambientali della Fondazione Maugeri di Pavia, Claudio Minoia, spiega: “Esistono 75 diossine, composti clorurati detti congeneri. Il più pericoloso per l’uomo è la tetraclorodibenzo-p-diossina, classificata come cancerogeno di tipo 1 …. Questi composti sono insolubili in acqua, molto solubili nel grasso e molto resistenti alla degradazione chimica e biologica. Significa che non sono sostanze trasformabili, restano nell’ambiente.

Derivano dalla combustione di prodotti industriali, si depositano sul terreno e non migrano in profondità. È il motivo per cui li ritroviamo nei mangimi per allevamento. La diossina può essere inalata, se in aria si diffondono particelle contaminate. Ma la via di contaminazione classica è l’ingestione di cibi. Il 90% di esposizione uomo alla diossina è di tipo alimentare. E nell’ambito di questa percentuale, il 90% dei rischi sono legati a alimenti di origine animale”.
La tossicità della diossina interessa il sistema immunitario, il fegato, la pelle e gli embrioni umani.

Oggi a Berlino si tiene un vertice sulla crisi convocato dal Ministro dell’Agricoltura Ilse Aigner. All’incontro parteciperà anche Foodwatch, associazione tedesca dei consumatori che ha affermato che la diossina contenuta nei mangimi e nelle uova proviene da pesticidi usati in Asia e in America del sud.

La Corea del sud ha reagito con un blocco delle importazioni dalla Germania, ma secondo il portavoce del commissario alla salute e protezione dei consumatori della commissione europea, John Dalli, si tratta di una misura eccessiva, sproporzionata rispetto alla situazione in Germania.

Il nostro Ministro della Salute Ferruccio Fazio ha annunciato: “i nostri prodotti restano sicuri al 100 per cento, stiamo scrivendo una nota a tutte le aziende che importano dalla Germania perché facciano, oltre ai controlli di routine, anche quelli sulla diossina”.

Oltre alla riunione tecnica a Bruxelles il 12, per il 13 è stato convocato un altro vertice con i tecnici che partecipano a Bruxelles, i Nas e le Regioni, per mettere a punto controlli a campione.

La redazione è composta da giornalisti di strada, fotografi, videomaker, persone che vivono le proprie città e che credono nella forza dell'informazione dal basso, libera e indipendente. Fare informazione, per noi, non è solo un lavoro ma è amore per la verità.


Contatti:

6
Scrivi un commento

1000
5 Discussioni
1 Risposte alle discussioni
0 Follower
 
Commenti con più reazioni
Discussioni più accese
5 Commentatori
più recenti più vecchi
plummy

E’ necessaria e urgente una normativa italiana di rintracciabilità della carne suina, così come ce l’abbiamo per le uova.

giada

sono d’accordo con plummy

plummy

Finalmente!E’ stata approvata la legge che prevede una nuova etichettatura sui prodotti alimentari, si conoscerà l’origine della carne suina, del latte, latticini, se il bestiame è stato alimentato o no con mangimi OGM. Così il consumatore sarà libero di scegliere questo o quell’altro prodotto.

PriMi

Si ma anche una nuova etichettatura, ci cautelerà da queste vergognose irresponsabilità? Voglio dire: anche se c’è un’etichetta non significa che non ci siano diossine…

angelo pansa

Già da alcuni anni sto cercando di denunciare l’uso di pesticidi adulterati ( nel caso specifico il Nufarm 2,4-D additivato con altro prodotto disseccante, forse il 2,5-T) i cui effetti sulla foresta amazzonica sono devastanti, simili a quello che è successo in Vietnam con l’uso dell’ “Agente Arancio”, ossia il 2,4,5 TDD ( la stessa formulazione chimica del DDT, del Tordon 155, dell’ Aldrin, ecc.). Non è stato facile riuscire a veicolare il fatto dato che i mezzi di comunicazione sia brasiliani che esteri esigevano la “prova scientifica” di che si trattasse di diserbantidesfolianti. Ora tale “prova scientifica” non può… Leggi il resto »

Valentina Zuri

E’ davvero scandaloso! Come al solito, ci accorgeremo dell’importanza di ciò che abbiamo solo quando ormai l’avremo perso… di quali altri segnali hanno bisogno?? il petrolio sta finendo, le foreste stanno scomparendo, i ghiacciai si stanno sciogliendo… grazie del commento, so quanto si batte, è un esempio per tutti!


Contatti:
Redazione Notizie.it

La redazione è composta da giornalisti di strada, fotografi, videomaker, persone che vivono le proprie città e che credono nella forza dell'informazione dal basso, libera e indipendente. Fare informazione, per noi, non è solo un lavoro ma è amore per la verità.

Leggi anche