Schianto aereo a Terracina: chi era Gabriele Orlandi, il pilota morto nel tragico incidente
Schianto aereo a Terracina: chi era Gabriele Orlandi, il pilota morto nel tragico incidente
Cronaca

Schianto aereo a Terracina: chi era Gabriele Orlandi, il pilota morto nel tragico incidente

gabriele orlandi
gabriele orlandi

Il capitano Gabriele Orlandi ha perso la vita a 36 anni nel tragico incidente aereo avvenuto al Terracina Air Show, aveva due lauree ed aveva operato sui caccia intercettori a Gioia del Colle

Sono ore di lutto all’Aeronautica militare italiana, per la scomparsa del pilota 36enne Gabriele Orlandi, deceduto nel terribile schianto dell’Eurofighter che stava pilotando, nel corso di un’esibizione, al Terracina Air Show. Improvvisamente il velivolo, dopo un giro della morte, è piombato a tutta velocità in mare: un impatto tremendo che non ha lasciato scampo al pilota in un incidente le cui cause sono al momento ancora sconosciute, come confermato dall’Aeronautica militare. Il corpo di Orlandi è stato trovato poche ore dopo lo schianto: il 36enne di Cesena aveva ben due lauree, era considerato un pilota esperto e aveva volato nelle basi dell’Us air Force. Una carriera importante quella del capitano Gabriele Orlandi, che aveva anche prestato servizio sui caccia intercettori a Gioia del Colle, prima dell’abilitazione al Reparto sperimentale di Pratica del Mare come pilota sperimentatore-collaudatore. Chi era Gabriele Orlandi? arruolatosi nel 2002, era considerato un ragazzo in gamba e molto preparato, tra i più esperti ai comandi dell’Eurofighter 2000 Typhoon a causa del quale ha perso la vita. Le due lauree le aveva prese in scienze aeronautiche alla Federico II di Napoli e in scienze politiche all’università Cesare Alfieri di Firenze portando avanti parallelamente la sua attività, tra avanzamenti di carriera e brevetti da pilota militare.

Una carriera tutta in salita quella del capitano Orlandi

Dopo aver prestato servizio a Gioia del Colle, nel 2015 si è spostato nel Maryland per entrare nella scuola aerea della Marina americana, prima di approdare a Pratica di Mare, dove si trova il fiore all’occhiello dell’Aeronautica, il 311° Reparto sperimentale di volo.

I colleghi confermano che Orlandi aveva dato prova di capacità consolidate e di grande professionalità, tanto da diventare il presentatore dell’Eurofighter in numerose manifestazioni non solo in Italia ma anche nel resto d’Europa. Solo pochi giorni fa si era ad esempio esibito ad Ostrava, in Republica Ceca.

Le cause dell’incidente restano ignote, si attendono i riscontri della scatola nera

Sono molteplici le ipotesi legate al tragico incidente che si è portato via Orlandi. Non è da escludere ad esempio un possibile problema tecnico che avrebbe provocato un calo di potenza del motore, rendendo al comandante impossibile governare l’aereo con il risultato terribile che si è visto in diversi video amatoriali realizzati dalle centinaia di spettatori che hanno assistito alla tragedia senza poter far nulla. Secondo un ufficiale dell’Arma azzurra comunque, sarebbe da escludere il malore: Orlandi sarebbe infatti rimasto cosciente fino all’ultimo, impossibile si sia sentito male.

3 Commenti su Schianto aereo a Terracina: chi era Gabriele Orlandi, il pilota morto nel tragico incidente

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche