> > Schianto in pista a 240 km/h: è morto l’imprenditore Fabrizio Antonuzzi

Schianto in pista a 240 km/h: è morto l’imprenditore Fabrizio Antonuzzi

Fabrizio Antonuzzi

Schianto in pista a 240 km/h con una potente Porsche che dopo un rettilineo va dritta e finisce sul guardrail: è morto l’imprenditore Fabrizio Antonuzzi

Un terribile schianto in pista a 240 km/h: è morto così l’imprenditore bresciano 61enne Fabrizio Antonuzzi: l’uomo era  impegnato nelle prove libere su un circuito in provincia di Cremona, l’Angelo Bergamonti di San Martino del Lago.

Antonuzzi viveva a Manerba del Garda ed era titolare di una florida azienda che progetta negozi e location commerciali. 

Morto l’imprenditore Fabrizio Antonuzzi: la sua Porsche 901 Gt3 non si è fermata

Il racconto dei testimoni di quello spaventoso sinistro è agghiacciante: pare che la potente Porsche 901 Gt3 guidata da Antonuzzi non abbia frenato per nulla alla fine di un rettilineo, andandosi a schiantare contro un guardrail. Le ipotesi più accreditate per l’assenza di qualsivoglia manovra di arresto o contenimento delle velocità vanno dal malore alla guida al guasto dell’impianto frenante

Un pilota esperto, le domande su come sia morto l’imprenditore Fabrizio Antonuzzi

Il dato è che Antonuzzi non era affatto un “pivellino” della guida su circuito: era un pilota esperto. Dal canto suo il responsabile del circuito Alessandro Canevarolo ha spiegato sulle colonne de La Provincia di Cremona: “Le immagini riprese dalle nostre telecamere mostrano l’auto che percorre il rettilineo e termina la corsa, senza alcun segno di frenata, contro il guardrail di protezione”. 

Rilievi ed indagini dei carabinieri per capire come è morto l’imprenditore Fabrizio Antonuzzi

Purtroppo in quelle circostanze ogni tentativo di soccorso è stato vano. Sul posto i carabinieri di Solarolo Rainerio e Gussola che dovranno ricostruire dinamiche e cause di innesco del tremendo incidente. L’imprenditore lascia la moglie e quattro figli.