Follow JC go: il Vaticano lancia il suo Pokemon Go | Notizie.it
Follow JC go: il Vaticano lancia il suo Pokemon Go
Scienza & Tecnologia

Follow JC go: il Vaticano lancia il suo Pokemon Go

Follow JC go
Follow JC go

Il Vaticano ha lanciato una versione religiosa di Pokémon Go per catturare santi e beati ed è già disponibile per iOS e Android

Francesco non è più soltanto un Papa, ma un Profeta, anzi soprattutto un Profeta e un Pastore. Una virata importante verso un’attualizzazione delle dottrine ecclesiastiche e una modernizzazione del pensiero della Santa Sede. E adesso un ulteriore passo in avanti per avvicinarsi ai più giovani, per fidelizzarli lungo il cammino di Gesù e raccontare loro la storia di Dio e di tutti i Santi. Così è uscita una nuova app. Si chiama Follow JC go ed è stata ideata proprio dal Vaticano. La versione religiosa della popolare app ha ricevuto la benedizione di papa Francesco.

Follow JC go, l’app del Vaticano

Sull’onda del grande successo dell’app acchiappa Pokemon, il Vaticano ha deciso di sviluppare la propria versione religiosa, con l’approvazione di Bergoglio. Si chiama Follow JC Go e permetterà di collezionare una squadra di personaggi biblici attraverso la fotocamera del cellulare. E’ già disponibile gratis per Android e iOS in Italia, ma solo in lingua spagnola e a breve verrà tradotto nelle altre lingue

Pokémon Go è l’app per smartphone della Niantic che nell’estate del 2016 ha conquistato milioni di ragazzi e di adulti in tutto il mondo: oltre 800 milioni di download e 1,8 miliardi di dollari di incassi.

Il giocatore si muove su una mappa che riproduce fedelmente l’ambiente circostante grazie al Gps che ne rileva la posizione. Quando sullo schermo appare un Pokémon, basta premere sulla sua icona e provare a catturarlo con le famose sfere biancorosse.

L’app Follow JC Go è stata sviluppata in Spagna da un progetto di Fondación Ramón Pané, per celebrare la Giornata mondiale della gioventù prevista per il prossimo 22 gennaio a Panama.

Come si usa Follow JC go

Follow JC go riproduce fedelmente le dinamiche dell’originale, con l’utente che girovaga per la città e si imbatte nei personaggi. Ma al posto dei mostriciattoli giapponesi, compariranno santi, beati e altre personalità delle Sacre Scritture. Dati gli intenti pedagogici dell’app, il giocatore non dovrà ingaggiare una battaglia per conquistare il personaggio, ma dovrà rispondere ad alcune domande che lo riguardano. Rispondendo correttamente al breve quiz si riuscirà ad ampliare la propria e-team, la squadra di evangelizzazione, che sostituisce il Pokédex dell’originale.

Il giocatore dovrà poi preoccuparsi di curare la salute del proprio avatar, dandogli da mangiare e facendolo bere. Tra i valori da tenere in considerazione ci sono infatti idratazione e alimentazione, ma anche la preghiera, che si riferisce alla salute spirituale del personaggio. Per ricaricarsi, basterà camminare e trovare gli oggetti che consentono di tenere sotto controllo ogni livello. Nel gioco c’è anche una valuta, i “denarios”, che si possono accumulare in tre modi: facendo una vera donazione (che andrà in beneficenza) e convertendola in valuta virtuale, guardando pubblicità o cercando sulla mappa.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Asia Angaroni
Asia Angaroni 748 Articoli
Leva 1996, varesotta di nascita milanese di adozione. Dall’amore per la stampa e la verità alla laurea in Comunicazione. Amante della letteratura e dell’arte, alla ricerca costante di sapienza e cultura. Appassionata di cronaca sportiva e di inchieste, desiderosa di fare della parola il proprio futuro.