Cometa di Natale: è visibile anche a occhio nudo | Notizie.it
Cometa di Natale: è visibile anche a occhio nudo
Scienza & Tecnologia

Cometa di Natale: è visibile anche a occhio nudo

Cometa di Natale

La stella 46/P Wirtanen è stata ribattezzata la 'Cometa di Natale' e sarà distintamente visibile a occhio nudo tra il 12 e il 16 dicembre.

Nel cielo c’è una stella la cui luce sta iniziando a rivelarsi proprio in questi giorni. Gli esperti l’hanno già individuata nella costellazione della Fornace, tra la Balena ed Eridano, e ha da poco superato il limite di luminosità per essere vista a occhio nudo. Si chiama 46P/Wirtanen, ma è già stata ribattezzata la ‘cometa di Natale‘. In effetti, con un pò di fortuna, potremo ammirare la stella proprio tra il 24 e il 25 dicembre, anche se il periodo migliore sembra stimato per metà dicembre. Al momento la sua luce è molto fioca, ma con il passare dei giorni dovrebbe aumentare sempre di più. “Per vederla meglio bisogna attendere il 12 dicembre, quando arriverà al punto più vicino al Sole, e il 16, quando raggiungerà la minima distanza dalla Terra” ha detto l’astrofisico Gianluca Masi.

La stella 46/P

Si tratta di una stella che si affaccia alla parte interna del Sistema solare ogni cinque anni circa.

Quest’anno, il momento in cui si troverà al perielio sarà quasi in coincidenza con il perigeo, per questo potremo vederla al massimo del suo splendore. Tuttavia, la prospettiva non ci permetterà di ammirare la coda, vera peculiarità delle comete. “Purtroppo la geometria della nostra posizione ci preclude la coda – ha affermato Masi – Quello che potremo vedere sarà la chioma. Sarà di colore tendente al verde, segno della presenza di carbonio biatomico”.

Come ammirare la cometa

Oltre che alzare gli occhi al cielo e cercare la stella con i propri occhi, c’è anche un altro modo per ammirare la 46/P. Il Virtualtelescope trasmetterà due dirette streaming di osservazione della cometa. La prima sarà il 12 dicembre in occasione del perielio, e la seconda il 16, quando sarà nel punto più
vicino alla Terra, a partire dalle ore 23. “Dopo il 16 avremo la Luna sempre più invadente a rovinare l’osservazione perché il 22 sarà piena – ha continuato l’astrofisico – Nei giorni successivi, il 24 e il 25 dicembre, sorgerà un pò più tardi, dandoci modo di trovare di nuovo 46/P Wirtanen“.

Come fotografarla

La cometa sarà un ottimo soggetto da fotografare, e sarà possibile ritrarla anche senza attrezzature professionali. “Basterà un tele non troppo potente, diciamo un 135 mm, a patto che sia luminoso,con un’apertura 2.8 o 2.0 e Iso 800-1600 per non generare troppo rumore – suggerisce Masi – Potremo usare un tempo di esposizione di uno o due secondi. Meglio fare più riprese da sommare in postproduzione con un programma adatto”.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche