Collection 1, l'archivio di email e password rubate è online | Notizie.it
Collection 1, l’archivio di email e password rubate è online
Scienza & Tecnologia

Collection 1, l’archivio di email e password rubate è online

Collection 1, l'archivio di email e password rubate è online
© Tavo.Tech Instagram

Collection 1 è il primo archivio di email e password rubate dagli hacker pubblicato in rete. Il database conta circa 2,7 miliardi di account violati.

Un archivio di email e password rubate dagli hacker. Nome in codice: Collection 1. L’esperto di sicurezza Troy Hunt ha pubblicato l’enorme database, dal peso di oltre 87 Gigabyte. Collection 1 racchiude in sé circa 12 mila file contenenti almeno 773 milioni di account rubati. Lo stesso Hunt ha confermato che la raccolta è stata resa possibile grazie al trasferimento di elenchi più piccoli da parte di utenti sconosciuti. Gli esperti temono che Collection 1 possa essere il primo di altri maxi archivi di email e password rubate agli utenti.

L’archivio degli hacker

Un elenco da 87 Gigabyte. Sembra il soggetto di un film di spionaggio o di una serie tv di fantascienza, ma purtroppo è tutto vero. L’esperto di sicurezza Troy Hunt ha pubblicato l’enorme database all’interno del suo sito “Have I been pwned?”, subito consultato dall’utenza per verificare se il proprio account sia stato violato. Per controllare, basta connettersi al sito e digitare la propria email. Una volta fatto questo, bisogna cliccare il tasto “pwned” e il sistema cercherà il riferimento indicato.

Se la email non è segnata nel database, si può tirare un sospiro di sollievo, altrimenti è necessario correre ai ripari.

Cambiare subito password

Cambiare password è la cosa migliore. Gabriele Faggioli – responsabile dell’Osservatorio Information e Privacy del Politecnico di Milano e Ceo della società di sicurezza P4I – ha riferito all’Ansa che “Gli utenti devono però avere regole di comportamento minimo sulla sicurezza online, come cambiare spesso le proprie credenziali di accesso e non usare le stesse per tutti i siti”. Inoltre, l’esperto ha caldamente invitato gli utenti a non caricare materiale riservato su Cloud online, perché è la prima cosa che gli hacker rubano, una volta violate le email personali.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Andrea Danneo
Andrea Danneo 549 Articoli
Palermitano di nascita, milanese acquisito, ho iniziato a scrivere di Rugby e di Basket sul web. Dopo una bella esperienza in un sito di informazione locale, mi sono laureato in Lettere moderne a Milano e ho concluso la mia formazione alla scuola di Giornalismo dell'Università Cattolica. Lettore di libri incallito, inseguo il sogno di raccontare le piccole e grandi storie, sia in forma scritta, sia in video.