Facebook vuole integrare WhatsApp, Instagram e Messenger
Facebook vuole integrare WhatsApp, Instagram e Messenger
Scienza & Tecnologia

Facebook vuole integrare WhatsApp, Instagram e Messenger

Facebook
Facebook

New York Times riferisce che il futuro di Facebook è all'insegna dell'integrazione con Messenger, WhatsApp e Instagram, molto popolare tra i giovani

Mark Zuckerberg è un dirigente d’azienda, imprenditore e informatico statunitense. È il fondatore del social network Facebook, di cui è amministratore delegato. Nel 2008 la rivista statunitense Forbes lo ha nominato il più giovane miliardario del mondo. E oggi, a distanza di quindici anni dalla nascita dal social che lo ha reso celebre e strapagato, Zuckerberg sembra pronto a potenziare i suoi possedimenti virtuali. L’obiettivo sarebbe quello di integrare Facebook con WhatsApp, Instagram e Messenger.

Facebook conta oltre 2 miliardi di utenti nel mondo. E’ stato lanciato a febbraio 2004, ma l’affezione degli utenti si è affievolita dopo lo scandalo Cambridge Analytica. A gravare sull’indiscusso dominio di Facebook è l’attuale allontanamento dei più giovani. In molti preferiscono intrattenersi su altre app, in primis Instagram. Quest’ultima è stata acquistata da Facebook nel 2012 per 1 miliardo di dollari, WhatsApp nel 2014 per 14 miliardi di dollari. Mentre Messenger è stata sviluppata in casa Facebook e lanciata nel 2011.

La novità firmata Mark Zuckerberg

Sembrerebbe che il futuro di Facebook sia all’insegna dell’integrazione delle sue applicazioni di messaggistica, Messenger e WhatsApp, e dell’app Instagram molto popolare tra i giovani.

A svelare i dettagli del progetto è il New York Times. Le fonti (rigorosamente rimaste anonime) sono quattro persone che lavorano all’integrazione. L’iniziativa dovrebbe andare in porto tra fine 2019 e inizio 2020. Zuckerberg ha sempre promesso di non voler sovrapporre i servizi di sua proprietà. Ma deve farlo per motivi di business: tutte queste app crescono di più della piattaforma madre, Facebook naturalmente.

Facebook

Secondo le indiscrezioni del New York Times, Facebook, Messenger, WhatsApp e Instagram pur restando distinte come app sugli smartphone, dovrebbero unire business e utenti. Con dubbi non indifferenti sui dati e sulla privacy, visto l’incrocio di numeri di telefono e informazioni personali. Tra i punti importanti dell’integrazione, secondo il New York Times, ci sarebbe anche l’estensione a tutte le app del sistema di crittografia “end to end”, che segreta le conversazioni e le mette al riparo da intrusioni esterne.

Facebook

Facebook, “Vogliamo migliori esperienze di messaggistica”

Vogliamo costruire le migliori esperienze di messaggistica possibili. La gente vuole scambiarsi messaggi in modo veloce, semplice, affidabile e privato. Stiamo lavorando per portare la crittografia end-to-end ad altri nostri servizi di messaggistica e stiamo valutando come rendere più facile raggiungere amici e familiari attraverso i diversi network”. Così ha commentato un portavoce di Zuckerberg.

Facebook

Quindi ha tenuto a precisare: “Chiaramente, in una fase come questa in cui stiamo iniziando a definire tutti i dettagli per capire come rendere tutto questo possibile, sono ancora molte le discussioni e i confronti in atto”.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Asia Angaroni
Asia Angaroni 1296 Articoli
Leva 1996, varesotta di nascita milanese di adozione. Dall’amore per la stampa e la verità alla laurea in Comunicazione. Amante della letteratura e dell’arte, alla ricerca costante di sapienza e cultura. Appassionata di cronaca sportiva e di inchieste, desiderosa di fare della parola il proprio futuro.