Investi in Notizie.it e diventa editore del tuo giornale 🚀
Diventa socioInvesti e diventa socio di Notizie.it 🚀
Antartide, si distacca iceberg gigante: ” E’ grande 2 volte New York”
Scienza & Tecnologia

Antartide, si distacca iceberg gigante: ” E’ grande 2 volte New York”

Sta per distaccarsi dalla piattaforma principale dell'Antartide un iceberg grande due volte la città di New York. Monitorano gli scienziati Nasa.

Le crepe che scorrono attraverso la piattaforma ghiacciata dell’Antartide rivelano che a breve si staccherà da essa un “iceberg” dalla superficie pari al doppio di New York. Il crack, apparso per la prima volta a fine ottobre 2016, continua a crescere verso est da un’area nota come McDonald Ice Rumples. Precedentemente stabile per circa 35 anni, questa crepa ha recentemente iniziato ad accelerare la propria avanzata verso nord fino ad un ritmo di 4 km all’anno.

Il commento della NASA

“Non è ancora chiaro come la restante piattaforma di ghiaccio risponderà dopo la rottura, prospettando un futuro incerto per le infrastrutture scientifiche e la presenza umana nella zona della banchisa”.

L’area che andrà perduta nella separazione sarà di circa 660 miglia quadrate (1.700 km quadrati). Sebbene non sia un enorme iceberg per gli standard antartici, potrebbe essere il più grande distaccamento da quando sono iniziate le osservazioni nel 1915. Gli scienziati stanno ora osservando per capire quali saranno le conseguenze del distaccamento.

Joe MacGregor , un glaciologo del Goddard Space Flight Center della NASA, ha dichiarato:

“Il futuro, nel breve termine, di Brunt Ice Shelf, dipende probabilmente da dove si fonderanno le fessure esistenti rispetto ai ghiaccioli di McDonald. Se si uniscono a monte (a sud) del McDonald Ice Rumples, allora è possibile che la piattaforma di ghiaccio venga destabilizzata. Le crescenti crepe hanno provocato problemi di sicurezza per le persone che lavorano nella zona, in particolare per i ricercatori della Halley Station della British Antarctic Survey. Questa importante base per la ricerca sulla Terra, l’atmosfera e le scienze spaziali, tendenzialmente è operativa per tutto l’anno, ma è stata chiusa due volte negli ultimi anni a causa di cambiamenti imprevedibili nel ghiaccio. Negli scorsi decenni la stazione è stata inoltre più volte chiusa e ricostruita in punti diversi.

La rottura di frammenti dal bordo di un ghiacciaio – è una parte normale del ciclo di vita delle piattaforme di ghiaccio, anche se i recenti cambiamenti non sono poi così familiari in quest’area.

La rottura del Brunt Ice Shelf si è evoluta lentamente da quando Ernest Shackleton ha ispezionato la costa antartica nel 1915; tuttavia negli ultimi anni ha accelerato drasticamente portando alla situazione odierna.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Marco Lomonaco
Marco Lomonaco 337 Articoli
Classe '95, nato a Milano, vive a Rho. Laureato in filosofia alla Statale, poi masterizzato al Sole 24 Ore. E' vice responsabile di redazione a IlGiornaleOFF, spin-off culturale del weekend e webzine del quotidiano Il Giornale. Scrive per Il Giornale, per il settimanale OGGI e per Notizie.it. Ha lavorato a Radio24 nel team de La Zanzara di Cruciani e Parenzo.