Investi in Notizie.it e diventa editore del tuo giornale 🚀
Diventa socioInvesti e diventa socio di Notizie.it 🚀
L’offerta di lavoro della Nasa: 16.500 euro per stare a letto 2 mesi
Scienza & Tecnologia

L’offerta di lavoro della Nasa: 16.500 euro per stare a letto 2 mesi

Nasa

I 24 volontari non potranno alzarsi per mangiare e andare in bagno. L'obiettivo del test è migliorare le condizioni degli astronauti nello spazio.

Una proposta di lavoro davvero curiosa quella annunciata dall’agenzia spaziale tedesca Dlr per conto della Nasa e dell’European Space Agency. Secondo quanto riporta TgCom24 è previsto un compenso di ben 16.500 euro per una mansione all’apparenza poco faticosa. I 24 volontari (12 uomini e 12 donne) che verranno scelti dovranno ‘semplicemente’ stare a letto per due mesi. Senza potersi alzarsi per andare in bagno o mangiare. Il test serve a valutare e migliorare le condizioni degli astronauti nello spazio con specifico riferimento al’indebolimento dei muscoli e delle ossa ai quali vanno incontro per via dell’assenza di gravità.

L’esperimento

Possono candidarsi coloro che hanno un’età compresa tra i 24 e i 55 anni con una buona condizione di salute. Inoltre è richiesta la conoscenza della lingua tedesca e il superamento di alcuni test psicofisici. L”esperimento’ durerà 89 giorni, da settembre a dicembre dell’anno in corso a Colonia (Germania).

15 giorni serviranno per l’adattamento e 14 per la riabilitazione. Le persone selezionate staranno sdraiate a letto con la testa inclinata di 6 gradi verso il basso e una spalla sempre a contatto con il materasso. Si tratta di accorgimenti necessari per riprodurre la situazione vissuta nello spazio dagli astronauti. Per alcuni partecipanti è prevista una gravità artificiale: il loro letto, capace di compiere trenta rotazioni al minuto, si muoverà. Nel corso degli 89 giorni i volontari avranno la possibilità di ascoltare musica, leggere e guardare la televisione. Ad assisterli una squadra formata da medici, psicoterapeuti, scienziati e da un nutrizionista. Jennifer Ngo-Anh, dell’Esa, chiarisce il senso del test come riporta Sky Tg24: “Questo studio ci consente di affrontare il problema dell’atrofia muscolare causata dall’assenza di gravità, ma anche altri fattori di stress come la radiazione cosmica, l’isolamento e le restrizioni spaziali”.


© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Giorgio Meroni
Giorgio Meroni, nato a Milano nel 1984. Dopo la laurea triennale e magistrale in lettere moderne, frequenta un master in giornalismo, sua grande passione fin dall'adolescenza. Diventa giornalista professionista nel 2014. Segue con interesse la politica, lo sport e il mondo della tv. Grande tifoso del Milan.
Contatti: Mail