Animali sostituiti da ologrammi, arriva il Circus Roncalli
Scienza & Tecnologia

Animali sostituiti da ologrammi, arriva il Circus Roncalli

circus roncalli

Senza animali, senza plastica, ma fedele alla tradizione. Questo il nuovo concetto di spettacolo circense proposto dal Circus Roncalli: un successo.

Il primo circo al mondo senza animali arriva direttamente dalla Germania. E’ il Circus Roncalli, che ha deciso di sostituire tutti gli animali con degli ologrammi, restando però fedele alla tradizione circense: un nuovo spettacolo che è già un successo mondiale. Tra i prossimi obiettivi del circo quello di diventare plastic free.

Fedeli alla tradizione

Cerchi infuocati, acrobati, domatori di leoni. Nessuna gabbia, ma animali che giocano con la pallina ed elefanti su due zampe. Il Circus Roncalli ha tutto ciò a cui la tradizione circense ci ha abituati, meno gli animali. Quelli veri, almeno. La magia in questo caso si chiama ologramma, ed è con quella che il Roncalli ha rilanciato l’idea innovativa di circo, diventando il primo spettacolo al mondo senza animali. Dal 2018 il circo, fondato nel 1976 da Bernhard Paul e André Heller, ha scelto di sostituire cavalli, elefanti, tigri con ologrammi, ma c’è da dire che già da prima il Roncalli aveva in pista solo un pony e un cavallo, per cui già incluso tra le strutture circensi più virtuose.

“Anche il circo è mosso dalle tendenze socio-culturali ed è ora il momento anche per il Circo Roncalli di seguirle”, ha detto Bernhard Paul, direttore e fondatore. “Niente più animali in un complesso che vuole essere innovativo ma vuole mantenere l’etichetta di Circo tradizionale con un fascino dei tempi che furono. Il circo si chiama Circustheater Roncalli, sperando di poter continuare ad assistere ad uno spettacolo circense”, continua il direttore.

Proiettori e plastic free

Lo spettacolo è possibile grazie a undici proiettori collocati intorno alla pista, dove gli animali prendono vita esibendosi in numeri ed evoluzioni straordinarie insieme ad acrobati e giocolieri. Talmente tangibile che agli spettatori sembra di vedere realmente tigri, elefanti e tanto altro. La direzione del Roncalli ha preso una decisione netta nell’utilizzo degli animali all’interno degli spettacoli circensi, da molto tempo già al centro di discussioni ed aspetti etici legati al loro sfruttamento. Per la gioia degli animalisti quindi, finalmente qualcuno sembra averlo capito.

Stop ad animali sedati, maltrattati e rinchiusi in minuscole gabbie, lontano dal proprio habitat naturale. Ed un’altra novità sembra essere pronta ad arrivare: tra i prossimi obiettivi del circo quello di diventare plastic free. Un vero e proprio circo del futuro.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Lavinia Nocelli
Lavinia Nocelli, classe '94, marchigianamente di Senigallia. Arrivata per la prima volta a Milano nel 2013, ho studiato all'Accademia di Belle Arti di Brera. La mia tesi mi ha portato in Albania, dove ho realizzato un docufilm sulle nuove mete d'emigrazione Italiana, documentando la situazione a Tirana, la capitale. Nel mentre un docufilm in veste di aiuto registra con Francesca La Mantia, "La memoria che resta". Poi il fotoreportage nella "jungle" di Calais, Francia, il campo profughi da cui oltre 10000 rifugiati cercavano di passare i confini per arrivare nel Regno Unito. E i due anni a Parigi, all'Ecole Supérieur de Journalisme, dove ho seguito da vicino le manifestazioni dei Gilet Gialli. Fotogiornalista per Waamoz, scrivo tra Roma e Milano, dove collaboro con Notizie.it. Leggo per passione, scrivo per dovere: scambiate le frasi e aggiungete negativi in bianco e nero. E tanti chilometri in mezzo, percorsi e immaginati.