Storie Instagram, la nuova tecnica che porta i profili vip a seguirti
Scienza & Tecnologia

Storie Instagram, la nuova tecnica che porta i profili vip a seguirti

instagram

Numerosi utenti stanno da qualche tempo segnalando visualizzazioni anomale delle loro storie Instagram, che verrebbero seguite da profili verificati.

Dopo il clamore suscitato dalla nuova funzione di prova che nasconde i like sotto le foto, una nuovo cambiamento sta attraversando Instagram, questa volta però non deciso dall’azienda. Come riportato da numerosi utenti è probabile infatti che nei prossimi giorni le vostre storie Instagram possano venire visualizzate da profili verificati di personaggi famosi. Non esultate però, nessun vip si è improvvisamente interessato alla vita delle persone comuni. La spiegazione del misterioso fenomeno è molto più semplice.

Storie Instagram seguite dai vip

Come riportato da Tpi, che cita il portale Influencer Busters, in queste ore sono numerosi gli utenti che stanno segnalando anomalie alle proprie storie Instagram. In particolare gli utenti riportano visualizzazioni inusuali da parte di profili verificati. La spiegazione è che i suddetti profili (quelli con la cosiddetta spunta blu) non sono gestiti dai vip in questione ma da dei bot.

Questi programmi automatici gestiscono il profilo verificato al posto del personaggio famoso di turno. Così facendo, in modo tra l’altro non pienamente legale, vanno a creare finte interazioni con gli utenti.

In questo modo chi si vedrà arrivare una visualizzazione del genere sarà spinto dalla curiosità a cliccare sul profilo, finendo così per aumentarne il traffico web.

Il perché della nuova tecnica

L’utilizzo dei bot da parte dei profili verificati è un modo per poter aggirare le limitazioni imposte da Instagram stesso nelle azioni adottate per incrementare i propri folllower. Dopo aver limitato le interazioni mensili di un profilo a 6mila al mese (like, follow e commenti), ai gestori delle pagine verificate è rimasta solo l’opzione delle visualizzazioni nelle storie. Una scorciatoia che i social media manager molto probabilmentesfrutteranno fino alla prossima restrizione attuata dal social network.


© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Jacopo Bongini
Nato a Milano, classe 1993, frequenta l’Accademia di Belle Arti di Brera dove si laurea in "Nuove Tecnologie dell’Arte". Parallelamente all'ambito artistico, nel quale partecipa a diverse mostre del settore come admin della pagina Facebook Karbopapero 900, durante gli anni universitari sviluppa la passione per il mondo dell’informazione e della comunicazione. Passione che lo porta a diventare collaboratore dapprima per Il Giornale e in seguito per Notizie.it.