2006 QQ23, il 10 agosto un asteroide a distanza ravvicinata
Scienza & Tecnologia

2006 QQ23, il 10 agosto un asteroide a distanza ravvicinata

asteroide

Il 10 agosto 2019 un asteroide potenzialmente pericoloso si avvicinerà al nostro Pianeta, senza colpirlo.

Il 10 agosto 2019 gli scienziati hanno previsto l’avvicinamento dell’asteroide 2006 QQ23 al nostro Pianeta. L’oggetto, considerato “potenzialmente pericoloso” e grande quasi il doppio della Torre Eiffel, passerà vicino alla Terra senza colpirla.

L’asteroide in avvicinamento

La notte di San Lorenzo l’Asteroide 2006 QQ23 si avvicinerà alla Terra tuttavia non la colpirà. Infatti effettuerà un flyby a 7,48 milioni di km. Si tratta di una roccia spaziale di una grandezza pari a quasi il doppio della Torre Eiffel. Secondo la NASA, l’Asteroide 2006 QQ23 ha un diametro di 570 metri e viaggia a una velocità di circa 16.740 chilometri orari. Pur non toccando direttamente la Terra, è stato bollato dagli scienziati “potenzialmente pericoloso” perché passa entro a 0,049 unità astronomiche e per essere considerato tale è sufficiente una distanza di 0,05 unità astronomiche dalla Terra. 0,049 unità astronomiche corrispondono a 7,48 milioni di chilometri. Lindley Johnson dell’ufficio di coordinamento della difesa planetaria della NASA ha detto alla CNN che è “più o meno benigno”.

Ogni anno circa sei oggetti delle stesse dimensioni si avvicinano così tanto alla Terra, ma un impatto di asteroidi è più raro e avviene solo una volta ogni due o tre secoli. La sua velocità quel giorno sarà di 4,67 chilometri al secondo, la sua magnitudine assoluta è di 20.1 e il suo diametro sarebbe secondo le ricerche tra i 250 e i 570 metri, più di due campi da calcio. L’asteroide 2006 QQ23 fa parte del gruppo NEO, ovvero di quegli asteroidi con una distanza di perielio inferiore a 1.3 au.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Francesca Sofia Cocco
Nata a Cagliari nel 2000, si è diplomata al liceo classico con 100 e lode e frequenta l'Università Bocconi di Milano. Nel 2015 ha iniziato a collaborare con l'Unione Sarda, per cui scrive articoli di cronaca, cultura, spettacolo e opinione. Ha partecipato come inviata in sala stampa per Radio Bocconi al Festival della canzone italiana di Sanremo 2019.