×

App Immuni, al via la sperimentazione in sei regioni italiane

Condividi su Facebook

Fra ritardi e sospetti, l'app Immuni avvia la sperimentazione in sei regioni. Ma come funziona? Perché è diversa da quella della Lombardia?

App Immuni, al via in sei regioni

Sin dall’annuncio del suo lancio per bocca della ministra Paola Pisano, non ha goduto di buona fama. Ora per l’app di tracciamento dei contagi Immuni, che doveva essere pronta per i primi di maggio, verrà avviata la sperimentazione in sei regioni italiane.

Lo rende noto Palazzo Chigi che ne individua l’esordio i primi di giugno.

App Immuni in sperimentazione: come funziona?

L’applicazione per smartphone è stata progettata da Bending Sppons e, come ha spiegato il commissario straordinario per l’emergenza, Domenico Arcuri, sarà un “pilastro importante nella gestione della fase successiva dell’emergenza“.

Lo pensa il Governo, che ha dato l’ok per l’avvio a partire da giugno. Il download della app sarà su base volontaria. Al suo interno, l’utente avrà una sorta di cartella personale in cui inserire tutti i dati sulla propria salute; il tracciamento dei contatti, invece, avverrà attraverso la tecnologia Bluetooth, che rileverà due smartphone vicini. La localizzazione permetterà di valutare il rischio contagio sulla base della posizione e il tempo di contatto.

All’utente sarà chiesto di aggiornare i propri dati in caso di esiti di test e tamponi.

Se la Lombardia ha la sua app

La Regione Lombardia preferisce agire da sola. E così ha, nei fatti, una sua app specifica. Si chiama AllertaLOM ed è una funzionalità nell’applicazione della Protezione Civile. Essa consiste in un’area dedicata con informazioni aggiornate minuto per minuto sulla situazione coronavirus ma soprattutto al tracciamento sanitario.

Compilando un questionario anonimo sul proprio stato di salute, gli esperti sanitari possono tracciare una mappa del rischio di contagi. A differenza di Immuni, AllertaLOM ha fini statistici, perché non si propone di monitorare il tracciamento delle persone a rischio.

Il primo Paese a sperimentare l’uso dell’app di tracciamento è stata la Cina. Contro le accuse di violazione della privacy, Sara Platto, italiana di Wuhan intervista da Notizie.it, ha dichiarato che l’applicazione è stata fondamentale non solo per il monitoraggio, ma anche per far fronte ai bisogni di tutti, specialmente i più isolati.

Marco Grieco, lucano classe 1987, è giornalista. Archeologo di formazione, è cresciuto a pane e giornalismo. Ha conseguito un master in giornalismo alla Eidos Communication di Roma e uno in comunicazione culturale alla Business School del Sole 24ORE. Collabora con TPI, L'Osservatore Romano e The Vision. Si occupa di inchieste sociali e politica estera, ma non disdegna la cultura e i temi pop. Curioso, ha un podcast di approfondimento giornalistico, Point of News, dove ama dare occhi e voce alle notizie nel mondo. Collabora con Notizie.it.


Contatti:

Scrivi un commento

1000

Contatti:
Marco Grieco

Marco Grieco, lucano classe 1987, è giornalista. Archeologo di formazione, è cresciuto a pane e giornalismo. Ha conseguito un master in giornalismo alla Eidos Communication di Roma e uno in comunicazione culturale alla Business School del Sole 24ORE. Collabora con TPI, L'Osservatore Romano e The Vision. Si occupa di inchieste sociali e politica estera, ma non disdegna la cultura e i temi pop. Curioso, ha un podcast di approfondimento giornalistico, Point of News, dove ama dare occhi e voce alle notizie nel mondo. Collabora con Notizie.it.

Leggi anche

coronavirus isolato ceinge napoli
Scienza & Tecnologia

Coronavirus, isolato ceppo al Ceinge di Napoli

12 Luglio 2020
I ricercatori del Ceinge di Napoli hanno potuto isolare un ceppo della sequenza genetica del coronavirus. Pronto il confronto con gli altri ceppi.
Entire Digital Publishing - Learn to read again.