×

I pagamenti con WhatsApp Pay: come funziona?

Condividi su Facebook

Come funziona il nuovo servizio 'WhatsApp Pay' che presto arriverà in Italia?

whatsapp-pay-come-funziona
Come funziona WhatsApp Pay?

I pagamenti sono sempre più digitali, a maggior ragione in tempi di pandemia da Coronavirus se si considera che il contante rischia di essere veicolo di infezione; perciò, Mark Zuckerberg ha annunciato l’arrivo di WhatsApp Pay, nuova funzione del servizio della celebre app di messaggistica per garantire i pagamenti in modo digital.

La notizia era nell’aria da diverso tempo. L’annuncio è arrivato tramite un post social su Facebook: “Whatsapp Pay parte dal Brasile che è il primo Paese in cui stiamo estendendo ampiamente i pagamenti via WhatsApp. Ne arriveranno presto altri!”, è l’annuncio del fondatore di Facebook. Ma come funziona il servizio che, dunque, presto arriverà anche nel Bel Paese?

Come funziona WhatsApp Pay

Ma come funziona WhatsApp Pay? Ci sarà spazio al percorso business e al percorso ‘vita privata’, come emerge dal lancio del nuovo servizio in Brasile.

Questa nuova funzione può agire sia da metodo di pagamento per il mondo eCommerce, sia come come strada che favorisce lo scambio di denaro tra persone.

L’obiettivo di WhatsApp Pay infatti è quello di: “Rendere semplici i pagamenti, perché può aiutare a portare più aziende nell’economia digitale, aprendo nuove opportunità di crescita. Inoltre – come si evince dal post ufficiale di presentazione del servizio – stiamo rendendo l’invio di denaro ai propri cari facile come l’invio di un messaggio.

Poiché i pagamenti su WhatsApp sono abilitati da Facebook Pay, in futuro vogliamo rendere possibile alle persone e alle aziende di utilizzare le stesse informazioni di pagamento in tutta la famiglia di applicazioni di Facebook”.



Gli sviluppatori di WhatsApp Pay hanno dato particolare importanza alla sicurezza: “Abbiamo costruito questo servizio di pagamento pensando alla sicurezza e per evitare transazioni non autorizzate sarà necessario uno speciale PIN a sei cifre o un’impronta digitale”.

Nato a Reggio Calabria il 13 maggio del '93 con due passioni: lo sport e il giornalismo. Laureato in Comunicazione Pubblica e di Impresa a La Statale di Milano, ha ricoperto il ruolo di content editor per testate giornalistiche generaliste e a indirizzo sportivo del network Tmw. Ha ricoperto il ruolo di social media per le pagine di UrbanPost e LuxGallery. Appassionato di cinema e moda, ha preso parte alla Mostra del Cinema di Venezia 2016 e al Pitti Uomo edizioni 2017 e 2018. In ambito politico, ha seguito la campagna elettorale del Referendum 2016 grazie al soggiorno presso la città di Firenze


Contatti:

Scrivi un commento

1000

Contatti:
Antonino Paviglianiti

Nato a Reggio Calabria il 13 maggio del '93 con due passioni: lo sport e il giornalismo. Laureato in Comunicazione Pubblica e di Impresa a La Statale di Milano, ha ricoperto il ruolo di content editor per testate giornalistiche generaliste e a indirizzo sportivo del network Tmw. Ha ricoperto il ruolo di social media per le pagine di UrbanPost e LuxGallery. Appassionato di cinema e moda, ha preso parte alla Mostra del Cinema di Venezia 2016 e al Pitti Uomo edizioni 2017 e 2018. In ambito politico, ha seguito la campagna elettorale del Referendum 2016 grazie al soggiorno presso la città di Firenze

Leggi anche

ecommerce
Scienza & Tecnologia

Come creare un ecommerce e vendere online

3 Luglio 2020
Avere un ecommerce vuol dire aumentare le proprie vendite, ma per aprire un negozio online bisogna investire su un sito performante.
Entire Digital Publishing - Learn to read again.