×

Immuni, i minorenni possono usare l’app?

Condividi su Facebook

I minorenni possono scaricare e utilizzare Immuni o esistono delle limitazioni all'app del governo in base all'età?

app-immuni-minorenni

A ormai quasi due mesi dalla sua introduzione migliaia di italiani hanno installato l’app Immuni sui propri telefoni cellulari, ma nonostante l’iniziale entusiasmo rimangono ancora alcuni dubbi tra la popolazione, come la possibilità di poter lasciare usare l’applicazione governativa ai minorenni.

Il sito ufficiale dell’app appare chiaro sul quest’ultimo punto, anche se pone dei precisi distinguo su cosa i minori possono o non possono fare.

Immuni, i minorenni possono usare la app?

Andando sul sito ufficiale dell’applicazione e aprendo l’apposita sezione della Faq è possibile leggere anche quella inerente all’utilizzo di Immuni da parte dei minorenni, che recita così: Devi avere almeno 14 anni per usare Immuni.

Se hai almeno 14 anni ma meno di 18, per usare l’app devi avere il permesso di almeno uno dei tuoi genitori o di chi esercita la tua rappresentanza legale”.

Un netto cambio di rotta rispetto alle premesse che circolavano fino al mese di aprile, quando veniva affermato che non vi sarebbe stata alcun tipo di limitazione per quanto riguarda l’utilizzo dell’app da parte dei minorenni. A motivare l’eventualità di un libero uso di Immuni da parte dei minori vi era il fatto che l’applicazione avrebbe infatti sfruttato pochissimi dati personali dell’utente e pertanto vi era la convinzione che non vi fossero problematiche relative alla privacy.

Il consumo del traffico dati

Altra domanda assai gettonata tra l’utenza under 20 dell’app è però anche quella relativa al consumo del traffico dati. A tal proposito è stata proprio la stessa azienda sviluppatrice di Immuni, Bending Spoons, a rispondere al quesito, dichiarando: “Ogni giorno, l’app scarica le nuove chiavi crittografiche dei dispositivi degli utenti positivi al SARS-CoV-2 per controllare se sei stato esposto a loro ed eventualmente avvertirti.

Puoi aspettarti che questa operazione consumi fino a qualche megabyte di traffico dati al giorno, più o meno come caricare una pagina di un sito con qualche foto”.

Nato a Milano, classe 1993, è laureato in "Nuove Tecnologie dell’Arte" all’Accademia di Belle Arti di Brera. Prima di collaborare con Notizie.it ha scritto per Il Giornale.


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:
Jacopo Bongini

Nato a Milano, classe 1993, è laureato in "Nuove Tecnologie dell’Arte" all’Accademia di Belle Arti di Brera. Prima di collaborare con Notizie.it ha scritto per Il Giornale.

Leggi anche

Entire Digital Publishing - Learn to read again.