×

Quanto traffico dati consuma l’App Immuni?

Condividi su Facebook

Traffico dati e utilizzo senza Internet: cosa si sa sull'App Immuni? La risposta alle domande frequenti.

app immuni traffico dati
Quanto traffico dati consuma l'app Immuni?

L’App Immuni è entrata nelle vite degli italiani da giugno 2020: si tratta di un’applicazione realizzata da Bending Spoons per iOS e Android su richiesta del Governo italiano. Immuni, infatti, serve per il contact tracing dei soggetti risultati positivi al Coronavirus: dal 15 giugno, dopo un periodo di breve sperimentazione in alcune Regioni pilota, l’app è operativa su tutto il territorio nazionale dopo aver ottenuto, ovviamente, il via libera del Garante Privacy.

Al momento, però, il target previsto dal Governo Conte non è stato raggiunto. Lo ha sottolineato, in una recente intervista, Domenico Arcuri. Gli italiani non la usano. Per paura della propria privacy, dicono. E perché pensano che l’App Immuni consumi troppa batteria e traffico dati. Ma è davvero così?

L’App Immuni

A far chiarezza sul tema ci ha pensato proprio Bending Spoons che ha realizzato una pagina, sul sito ufficiale dell’applicazione per il contact tracing, utile a chiarire ogni dubbio. Per esempio, in merito al consumo di batteria, gli sviluppatori assicurano: “Non dovresti notare una differenza nella durata della tua batteria, né il tuo smartphone dovrebbe surriscaldarsi. Immuni infatti usa il Bluetooth Low Energy, una tecnologia creata per essere particolarmente efficiente in termini di risparmio energetico.

È la stessa tecnologia che usano gli smartwatch e le cuffie senza fili per rimanere costantemente connesse agli smartphone”.

Quanto traffico dati consuma l’app Immuni?

Ma la richiesta della maggior parte degli italiani, soprattutto la fascia ‘teen’, è relativa a quanto traffico dati possa consumare l’app Immuni. A tal proposito, Bending Spoons tranquillizza i cittadini del Bel Paese: viene consumato un traffico dati del tutto irrisorio. “Ogni giorno, l’app scarica le nuove chiavi crittografiche dei dispositivi degli utenti positivi al SARS-CoV-2 per controllare se sei stato esposto a loro ed eventualmente avvertirti.

Puoi aspettarti che questa operazione consumi fino a qualche megabyte di traffico dati al giorno, più o meno come caricare una pagina di un sito con qualche foto” è la risposta degli sviluppatori.

Si può usare senza Internet?

Chi non vuole consumare neanche quei pochi megabyte di traffico dati si chiede: “Ma allora posso usare l’App Immuni senza Internet?” Sono sempre gli sviluppatori a far chiarezza evidenziando come: “Immuni non richiede una connessione continuativa.

Tuttavia, l’app ha bisogno di connettersi almeno una volta al giorno per scaricare le informazioni necessarie a controllare se sei stato esposto a utenti potenzialmente contagiosi. Pertanto, assicurati che il tuo smartphone sia connesso a Internet almeno una volta al giorno“.

Nato a Reggio Calabria il 13 maggio del '93 con due passioni: lo sport e il giornalismo. Laureato in Comunicazione Pubblica e di Impresa a La Statale di Milano, ha ricoperto il ruolo di content editor per testate giornalistiche generaliste e a indirizzo sportivo del network Tmw. Ha ricoperto il ruolo di social media per le pagine di UrbanPost e LuxGallery. Appassionato di cinema e moda, ha preso parte alla Mostra del Cinema di Venezia 2016 e al Pitti Uomo edizioni 2017 e 2018. In ambito politico, ha seguito la campagna elettorale del Referendum 2016 grazie al soggiorno presso la città di Firenze


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:
Antonino Paviglianiti

Nato a Reggio Calabria il 13 maggio del '93 con due passioni: lo sport e il giornalismo. Laureato in Comunicazione Pubblica e di Impresa a La Statale di Milano, ha ricoperto il ruolo di content editor per testate giornalistiche generaliste e a indirizzo sportivo del network Tmw. Ha ricoperto il ruolo di social media per le pagine di UrbanPost e LuxGallery. Appassionato di cinema e moda, ha preso parte alla Mostra del Cinema di Venezia 2016 e al Pitti Uomo edizioni 2017 e 2018. In ambito politico, ha seguito la campagna elettorale del Referendum 2016 grazie al soggiorno presso la città di Firenze

Leggi anche

Contents.media