×

Cashback di Stato, in tanti scaricano l’app sbagliata (a pagamento)

Condividi su Facebook

Negli store è andata a ruba un’app a pagamento il cui nome fa riferimento al Cashback, ma è quella sbagliata.

cashback di stato app sbagliata a pagamento

Cashback di Stato – Italia”, che ha il costo di 0,99 euro sull’App Store, è l’app a pagamento più scaricata in questi giorni. Essa, tuttavia, non è quella che serve ad ottenere il rimborso per le spese di Natale effettuate con i mezzi di pagamento elettronici.

L’app realizzata dal Ministero dell’Economia, infatti, è gratuita ed è denominata “Io”.

Cashback di Stato, le app a pagamento

Cashback di Stato – Italia” non è l’unica applicazione a pagamento che sull’App Store attira coloro che vogliono ottenere i rimborsi per i loro acquisti. Al sesto posto, infatti, c’è anche “Cashback di Stato Italia App”, al costo di 0,49 euro. Entrambe non hanno nulla a che fare con il programma Cashback recentemente promosso dal Governo.

Le loro funzioni, inoltre, sono fortemente limitate. Esse operano infatti come una semplice calcolatrice, permettendo agli utenti di calcolare il 10% di qualsiasi cifra.

Un raggiro in cui sono caduti in tanti. Il nome delle due applicazioni e le descrizioni come “l’originale” hanno fatto credere a molti, infatti, che si trattasse di quella giusta (diventata tristemente nota per il malfunzionamento). Agli utenti, per fortuna, non è stato chiesto di inserire alcun dato sensibile, come le credenziali delle proprie carte di credito.

L’unico danno, dunque, è di avere speso meno di un euro per un acquisto sostanzialmente inutile.

Nata a Palermo, classe 1998, è laureata in Scienze delle comunicazioni per i media e le istituzioni e iscritta all'Albo dei giornalisti pubblicisti. Prima di collaborare con Notizie.it ha scritto per Mediagol e itPalermo.


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:
Chiara Ferrara

Nata a Palermo, classe 1998, è laureata in Scienze delle comunicazioni per i media e le istituzioni e iscritta all'Albo dei giornalisti pubblicisti. Prima di collaborare con Notizie.it ha scritto per Mediagol e itPalermo.

Leggi anche

Contents.media