> > Scotland Yard: un agente si è dichiarato stupratore seriale

Scotland Yard: un agente si è dichiarato stupratore seriale

David Carrick

David Carrick, agente di 48 anni, ha ammesso di aver compiuto 49 reati nel corso di 20 anni. Aveva servito anche come scorta di politici britannici.

L’agente David Carrick, di 48 anni, ha ammesso di aver commesso 49 reati nel corso di vent’anni.

Un altro scandalo che ha travolto Scotland Yard. 

Scotland Yard: un agente si è dichiarato stupratore seriale

Un nuovo scandalo ha completamente travolto Scotland Yard. Il capo di uno dei corpi di polizia più conosciuti al mondo, Mark Rowley, è costretto a spiegare che sta investigando su un migliaio di accuse di violenza domestica e abusi sessuali compiuti da 800 suoi agenti. Dopo il caso del poliziotto che nel marzo 2021 aveva sequestrato, stuprato e ucciso la 33enne Sarah Everard, un altro, da tempo in prigione ma che aveva servito l’unità che protegge parlamentari e diplomatici, ha confessato di essere uno stupratore seriale.

Si chiama David Carrick, ha 48 anni, e si è dichiarato colpevole di 49 reati compiuti nel corso di vent’anni. 

Usava il suo ruolo per ottenere la fiducia delle vittime

David Carrick, 48 anni, ha confessato i suoi crimini in videoconferenza dal carcere dove è detenuto. Il mistero è che sia stato ritenuto per ben due volte idoneo al servizio in polizia. Sfruttava proprio il suo ruolo e la sua divisa per riuscire ad ottenere la fiducia delle sue vittime, alcune delle quali le aveva conosciute tramite app o eventi pubblici.

Carrick ha ricoperto un ruolo in cui gli era stata affidata la responsabilità di proteggere il pubblico, ma per oltre 17 anni, nella sua vita privata, ha fatto l’esatto contrario” ha dichiarato il procuratore capo Jaswant Narwal, che ha sottolineato come la gravità dei crimini commessi sia cresciuta insieme al senso di impunità crescente. Era convinto che l’avrebbe sempre fatta franca. “I londinesi saranno giustamente scioccati dal fatto che quest’uomo abbia potuto lavorare per la Met per così tanto tempo e devono essere date risposte a domande serie su come abbia potuto abusare della sua posizione di ufficiale in questo modo orrendo” ha dichiarato Sadiq Khan, sindaco di Londra, che ha espresso “nausea e orrore” per i fatti emersi.