×

Secondo l’Onu Idlib diventerà una catastrofe umanitaria

Condividi su Facebook

Le Nazioni Unite ammoniscono il governo di Assad: il conflitto di Idlib provocherà una catastrofe. Richiesto un corridoio umanitario verso la Turchia.

Siria, secondo l'Onu Idlib sarà la più grande catastrofe umanitaria del 21esimo secolo

L’invito posto al governo di Bashar Al Assad da parte dell’Organizzazione delle Nazioni Unite è molto eloquente. La questione legata alla vicenda della provincia ribelle di Idlib rischia di rivelarsi come una delle più grandi crisi umanitarie di questo secolo: una catastrofe da evitare. Sono in 30mila, i civili che in prima istanza hanno abbandonato le loro abitazioni nel territorio siriano a causa della continua minaccia aerea delle truppe siriane (coadiuvate dall’esercito russo). Il numero di cittadini pronti all’esodo potrebbe crescere vertiginosamente: è previsto, infatti, che possano diventare circa 700mila gli sfollati per motivi legati al conflitto. Il numero degli abitanti di Idlib sfiora i 3 milioni di persone (1 milione è costituito prevalentemente da bambini): di questi solo l’1% è stato identificato come parte attiva nel conflitto (combattenti).

L’Onu ammonisce Assad

Mark Lowcock, capo della divisione Affari Umanitari dell’Ufficio delle Nazioni Unite ha dichiarato “Ci devono essere altri modi per affrontare questo problema che non trasformino nei prossimi mesi la regione di Idlib in una delle più grandi crisi umanitarie con il più alto numero di vittime nel Ventunesimo secolo.

Ci stiamo preparando attivamente per la possibilità che un alto numero di civili si sposti in direzioni diverse”. L’enclave ribelle si trova a ridosso dei confini turchi: Erdogan ha il timore che una nuova offensiva possa provocare un ingente flusso migratorio accompagnato da una probabile crisi per i rifugiati. Mentre nuovi raid russi provocano vittime (dal 4 settembre gli attacchi dell’esercito di Putin sono incessanti), la domanda dell’Onu riguardo l’apertura di un corridoi umanitario verso Alessandretta viene respinta dal presidente turco lasciando prefigurare un futuro plumbeo sul distretto di Idlib.

Nato a Lecce, classe '94, laureato in Comunicazione all'Università degli studi di Milano. Prima di collaborare con Notizie.it, ha lavorato per Sportal.it e PremiumsportHD. Ha realizzato reportage da Francia e Inghilterra.


Contatti:

Scrivi un commento

1000

Contatti:
Francesco Leone

Nato a Lecce, classe '94, laureato in Comunicazione all'Università degli studi di Milano. Prima di collaborare con Notizie.it, ha lavorato per Sportal.it e PremiumsportHD. Ha realizzato reportage da Francia e Inghilterra.

Leggi anche