Segrate: al via i lavori per il centro commerciale Westfield
Segrate: al via i lavori per il centro commerciale Westfield
Milano

Segrate: al via i lavori per il centro commerciale Westfield

centro commerciale Westfield

Entro il 2021 verrà costruito a Segrate il Centro commerciale Westfield Milan, il secondo più grande d'Europa dopo quello di Londra.

Al via entro la fine del 2018 i lavori per la realizzazione di quello che si preannuncia essere il secondo più grande centro commerciale d’Europa. Il Comune di Segrate ha dato infatti l’ok alla costruzione del Westfield Milan nell’area dell’ex dogana, che dovrebbe essere realizzato entro il 2021. Un’opera da 1,4 miliardi di euro con i quali, però, verrà finanziata anche la Viabilità Speciale (Cassanese Bis), una tangenziale in cui verrà convogliato anche tutto il traffico d’attraversamento di Segrate.

Dopo Londra arriva il Westfield Milan

Il Comune di Segrate (Milano) ha dato il permesso definitivo a costruire il Centro commerciale Westfield Milan nell’area dell’ex dogana, che promette di essere il secondo più grande d’Europa. Un investimento da 1,4 miliardi di euro, finanziata però con capitali privati (la società australiana Westfield recentemente assorbita dal gruppo franco-olandese Unibail-Rodamco). In seguito ad un accordo di programma sottoscritto nel 2009, parte di questi capitali serviranno anche per finanziare infrastrutture pubbliche strategiche come la Viabilità Speciale (Cassanese Bis) nell’ultimo miglio da Pioltello alla tangenziale Est.

Sarà una tangenzialina d’accesso al centro su cui verrà convogliato anche tutto il traffico d’attraversamento di Segrate, senza connessioni con la circolazione locale.

“Questo gigante commerciale è destinato a cambiare la morfologia del nostro territorio e probabilmente le abitudini di noi segratesi” commenta in una nota il sindaco di Segrete Paolo Micheli. “Nel 2009 – ricorda – l’Amministrazione comunale in carica ne approvò la collocazione definitiva nell’area dell’ex dogana dopo un lungo e acceso dibattito politico tra il fronte del sì e del no”. ”

“Io appartenevo a quest’ultimo, – ammette – e le principali ragioni della mia contrarietà sono tutt’oggi valide: l’anomalia di un’opera di queste dimensioni in un’area già fortemente urbanizzata, l’impatto ambientale del traffico indotto, le ricadute potenzialmente devastanti sul commercio locale”. Micheli precisa quindi che, essendosi trovata di fronte “a un iter irreversibilmente avviato” l’Amministrazione “ha dovuto quindi impegnarsi per affrontare le criticità e sviluppare al meglio le opportunità”.

Le opere pubbliche

“Stiamo lavorando alla realizzazione di una nuova stazione ferroviaria ‘di porta’ con la fermata dell’Alta Velocità, al progetto di prolungamento della metropolitana M4 da Linate a Segrate, alle misure di salvaguardia degli esercenti segratesi” specifica quindi il sindaco di Segrate.

“I lavori di costruzione della Viabilità Speciale, sono ripartiti dopo troppi anni di stallo grazie a un pressing incessante che abbiamo fatto con gli enti sovralocali e ora proseguono rapidamente.

– aggiunge – Vogliamo riprogettare interamente la Cassanese, oggi a 4 corsie, ripensandola in modo da incentivare il trasporto pubblico e la mobilità dolce”.

Paolo Micheli precisa quindi come “il miglioramento della viabilità e la creazione di molti posti di lavoro sono i più importanti vantaggi che il Centro Westfield porterà alla nostra comunità. – evidenziando – Sul fronte dell’occupazione i primi risultati sono già arrivati: a settembre apriremo in Comune un moderno Sportello Lavoro, punto di riferimento per tutto il Sud Est Milano, anche e soprattutto per gestire le offerte occupazionali che arriveranno da Westfield, destinate in gran parte ai segratesi”.

I numeri del centro commerciale

Il centro commerciale Westfield prevede di accogliere 60mila visitatori al giorno, circa 21 milioni ogni anno. Verrà costruito su un’area di 240mila metri quadrati di superficie, di 185mila quella commerciale, ed ospiterà almeno 300 negozi e 100 tra boutique e ristoranti, oltre ad un cinema con 16 sale e 2.500 spettatori.

All’interno anche un “Villaggio del lusso”, visto che si potranno fare acquisti anche alle Galeries Lafayette. Il celebre grande magazzino francese aprirà infatti una filiale al nuovo Westfield di Segrate.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche