Senatore Airola: tenta il suicidio, salvato dalla sorella
Senatore Airola: tenta il suicidio, salvato dalla sorella
News

Senatore Airola: tenta il suicidio, salvato dalla sorella

Airola
Airola

Il Senatore Airola, parlamentare del Movimento 5 Stelle, ha tentato di togliersi la vita nel suo appartamento a Torino

E’ avvenuto nel suo appartamento di Torino, nel quartiere Aurora: il parlamentare del Movimento 5 Stelle Alberto Airola ha tentato di togliersi la vita, salvato appena in tempo dalla sorella, residente in un piccolo paese in provincia di Torino, che è riuscita a dare l’allarme prima che il tentativo di suicidio andasse a buon fine. Le forze dell’ordine sono prontamente intervenute ed ora Airola è ricoverato all’ospedale San Giovanni Bosco,e da giovedì non sarebbe più in pericolo di vita. Lo racconta La Stampa.

Sfiorata la tragedia

Da sempre un valido sostenitore delle battaglie No Tav e al suo secondo mandato da senatore, Alberto Airola ha tentato il suicidio a soli 48 anni: pianificazione per fortuna non andata a buon fine grazie alla sorella, che ha tempestivamente dato l’allarme una volta compreso che cosa stava succedendo. Nella sua abitazione sono state rinvenute due lettere, indirizzate rispettivamente alle forze dell’ordine e ai suoi familiari più vicini.

Sono scioccato da quello che è successo a Genova.

Sono addolorato e angosciato per le vittime, i feriti e i loro cari” erano state le ultime parole dell’uomo, comparse sul suo profilo Facebook il giorno della tragedia di Ponte Morandi. Airola sembrava infatti molto scosso e molto addolorato dal disastro, tanto da aver preso a cuore la questione in modo molto particolare. Un altro evento preso in considerazione come tassello della vicenda è ciò che successe la notte tra il 3 e il 4 settembre dello scorso anno, quando Airola venne aggredito pesantemente da due uomini che lo avevano atteso sotto casa. Il senatore aveva riportato una frattura alla mandibola, ma la questione non era mai stata resa pubblica nel dettaglio.

Airola

La nota del M5S

La notizia riportata dalla stampa questa mattina che riguarda Alberto Airola ci colpisce e ci addolora profondamente. Siamo vicini ad Alberto e ai suoi familiari, cui manifestiamo il massimo sostegno possibile e tutto il nostro affetto e vicinanza. In questo momento così delicato chiediamo agli organi di stampa e a tutti di dimostrare il dovuto rispetto evitando appostamenti in ospedale ed ogni altro atto possa disturbare la famiglia di Alberto” dice a gran voce il Movimento 5 Stelle, che mostra diversi turbamenti al suo interno, causati proprio dalla terribile vicenda che ha coinvolto il senatore Airola.

Una richiesta di non intromissione e di silenzio dunque, motivata dalla delicatezza dell’accaduto e dal fatto che il parlamentare, seppur fuori pericolo, si trovi ancora in ospedale, sotto stretta osservazione e soprattutto lontano dagli occhi e dalle orecchie, molte volte indiscrete, dei giornalisti.

Incoraggiamenti esterni

Espressioni di empatia e di vicinanza arrivano non solo dal partito del senatore, ma anche da partiti opposti, che seppur di diverse ideologie, hanno deciso di mettere da parte la rivalità politica per concentrarsi sulla gravità della vicenda dal punto di vista umano e personale.”Sono vicina ad Alberto Airola e sono convinta che con l’affetto dei suoi cari e dei colleghi riuscirà a superare questo momento difficile” scrive infatti Maria Rizzotti, senatrice di Forza Italia e collega di Alberto. Tutta la politica si riunisce dunque, per dare forza al senatore, che si spera si riprenda presto.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche