Serie A: Roma-Siena 1-1 - Notizie.it
Serie A: Roma-Siena 1-1
Serie Minori

Serie A: Roma-Siena 1-1

Luis Enrique da Gjon con il suo possesso palla? No, molto meglio l’eclettismo di mister Sannino da Ottaviano. La quarta giornata di Serie A si chiude con l’ennesimo golpe anti-grandi: la Roma deve rinviare ancora l’appuntamento con la prima vittoria stagionale, Europa League compresa, perché all’Olimpico fa festa il Siena, che, pur in formazione molto rinnovata rispetto alle prime due apparizioni, strappa l’1-1 ma che ai punti avrebbe certamente meritato di più al cospetto di una squadra monocorde, incapace di cambiare passo e di andare oltre ad un possesso palla sterile, come visto a Milano, perché non accompagnato dai necessari movimenti degli attaccanti e perché quel 4-3-3 che diventa 3-4-3 in fase di attacco, con De Rossi centrale e Perrotta ala, convince sempre meno, spaccando da subito la squadra in due tronconi e lasciando pure autentiche voragini agli avversari per le azioni di rimessa.

Molto più pratico il Siena che non si scoraggia dopo il vantaggio firmato da Osvaldo, al 25’, su bel cross dalla sinistra di Borriello.

Sembra il prologo ad una serata tranquilla per la Roma ma così non è perché in fondo si tratta della prima vera occasione dei giallorossi, in difficoltà fin dall’inizio di fronte all’organizzazione dei toscani: il 4-4-2 di Sannino è forse troppo scolastico e prudente ma le fasce laterali sono sotto il pieno controllo dei bianconeri, grazie al lavoro di Angelo e Grossi al cospetto di Perrotta e Josè Angel, sempre incerti tra l’affondare o il restare.

Nella ripresa il predominio territoriale del Siena si fa ancor più spiccato perché la Roma cala pure di condizione, allungandosi ulteriormente. Il resto lo fa Sannino che mette subito dentro Gonzalez per l’infortunato Angelo passando di fatto al 4-3-1-2 per poi giocarsi il tutto per tutto con una mossa apparentemente incomprensibile: dentro un centrale difensivo, Terzi, per l’ala Grossi. Il 3-4-1-2 mette in croce la Roma, che si salva fin che può: Gonzalez sbaglia da un centimetro dalla porta centrando Kjaer appostato sul palo (secondo salvataggio sulla linea per il danese dopo quello su Sneijder) ma poi la serata di gloria se la ritaglia Roberto Vitiello, che riprende la ribattuta del palo su tiro di Brienza, penetrato indisturbato tra le maglie giallorosse dalla sua nuova posizione di trequartista.

Primo gol stagionale per i bianconeri. Finale arrembante e rabbioso per la Roma, ma il gol non arriva. Per Vitiello primo gol in Serie A alla terza presenza, proprio come Sannino. E proprio come Luis Enrique. Ma oggi il profeta di Ottaviano ha fatto meglio dell’erede di Guardiola. Clicca qui per la nuova classifica.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche