×

Serie A, Sassuolo-Juventus 1-2: i bianconeri agguantano il Napoli

La 34esima giornata di campionato è giunta al termine. La Juventus di Allegri ha battuto il Sassuolo per 2-1 e i partenopei si fanno vicini...

Serie A Sassuolo Juventus

Finisce qui al Mapei Stadium. La Juventus di Massimiliano Allegri ha battuto il Sassuolo sul finale di partita con il punteggio di 1-2. Per il Sassuolo ha segnato Raspadori (38′) ; Per la Juventus Dybala (45′) e Kean (88′).

Serie A, Sassuolo-Juventus: le formazioni ufficiali

  • Sassuolo (4-2-3-1): Consigli; Muldur, Chiriches, Kyriakopoulos, Ayhan; Maxime Lopez, Frattesi; Berardi, Raspadori, Traoré; Scamacca.
  • Juventus (4-4-2): Szczesny; De Sciglio, Rugani, Bonucci, Alex Sandro; Bernardeschi, Danilo, Zakaria, Rabiot; Dybala, Morata

Tre punti preziosi che sanno di Champions League

Comunque sia andata il Sassuolo è uscito a testa alta. Il match che ha chiuso la 34esima giornata di campionato è stata infatti molto combattuta sia da una parte che dall’altra.

A regalare magie per primo è stata proprio la squadra emiliana che si è portata in vantaggio dopo 38 minuti grazie ad un formidabile mancino che non ha lasciato alcuno scampo alla porta avversaria. Nemmeno però 10 minuti dopo e ci pensa Dybala ad accorciare le distanze riportando la situazione in parità sullo scadere del primo tempo. Alla ripresa vediamo tanto Sassuolo, ma anche tanta Juventus: entrambe hanno creato delle occasioni interessanti da gol anche se poi una menzione particolare va al portiere emiliano Consigli che è stato artefice di magnifiche parate.

Il tempo però come si dice è tiranno e la rete finale di Kean all’88’ ha chiuso definitivamente ogni gioco. Il punteggio è dunque di 2-1, ma aver raggiunto il Napoli a solo -1 dal terzo posto fa ora sognare la Juventus che ora prova a prendersi il suo posto in Champions League.

Massimiliano Allegri: “Dybala? Una decisione presa dalla società”

Nel frattempo Massimiliano Allegri ai microfoni di DAZN ha commentato così la partita:“Oggi la squadra ha lottato, ha fatto una partita sporca.

Il calcio, si sa, è molto strano: spesso siamo usciti senza punti da partite ben giocate. Ora però siamo a un solo punto dal Napoli e dal terzo posto: questo in pochi se lo sarebbero aspettato fino a pochi giorni fa”. Ha infine aggiunto: “Perché Dusan è sempre arrabbiato? Perché a volte si fa prendere dalla frenesia. Ha sempre voglia di segnare ed essere decisivo. Io cerco di indirizzarlo, ma parliamo del classico attaccante con una fame di gol incredibile. Ripensamenti per Paulo? C’è una decisione presa dalla società. Poi Dybala è un grande professionista: non è facile giocare bene nella sua situazione, ma a lui riescono colpi come quello di questa sera. Il valore del ragazzo non è assolutamente mai stato in discussione”.

Contents.media
Ultima ora