×

Serie B, il mercato che verrà. Le pericolanti

Sarà perchè la classifica non ammette ulteriori errori, o perchè certi errori compiuti in estate vanno corretti al più presto, quando le prime scelte si devono ancora accasare, ma il mercato della serie B che si prepara a partire che cercheranno di tirarsi fuori il prima possibile da una posizione inimmaginabile ad inizio stagione. È il caso del vive soprattutto, in questi primi giorni di trattative, sulle operazioni delle pericolanti, o delle squadre Grosseto, che pare destinata a vincere l’oscar della squadra più attiva, almeno come numero di affari conclusi. Per il neo-ds Imborgia le vacanze natalizie sono durate pochissimo perchè il comandante Camilli pretende rinforzi di qualità ed immediati da mettere a disposizione di Moriero: sarà quasi una rivoluzione, come promesso dal vulcanico presidente al momento del cambio di allenatore.

Ad essere stravolto sarà soprattutto l’attacco, nota dolente dei maremmani nella prima parte di stagione: sembra già arrivata al capolinea l’esperienza di Beppe Greco, in procinto di passare al Modena, mentre per il ruolo di centravanti, rimasto vacante a fine estate, si pensa a Santoruvo, magari da inserire in un maxi-scambio col Frosinone che porterebbe in Ciociaria Allegretti ma anche Simone Basso tornare alla corte del mentore Moriero.

Ma la trattativa più vicina alla conclusione sembra essere quella con la Fiorentina per il prestito di Papa Waigo, ala ideale per il tridente di trequartisti del tecnico salentino.

Del Frosinone si parla a parte ma le mire dei laziali si scontrano con quelle della Triestina, altra squadra che si preanuncia protagonista del prossimo mese: il neo-tecnico Salvioni vorrebbe poter contare ancora su Miramontes, ora ai margini della deludente Cremonese, ma l’argentino è anche un obiettivo del presidente ciociaro Stirpe. Fantinel per l’attacco punta invece su Cellini, in difficoltà a Varese, oltre che sul bresciano Taddei. A Sassuolo si ha fiducia nel proprio organico che dovrebbe comunque arricchirsi col ritorno del difensore Rossini dalla Sampdoria ma che rischia di perdere Martinetti, ambito dagli stessi blucerchiati e da mezza serie B.

Ad Ascoli e Portogruaro infine si fanno i conti con le casse sociali, che non permettono stravizi: nelle Marche sarebbe già un miracolo riuscire a trattenere i pezzi pregiati Giorgi e Ciofani (ma il primo dovrebbe partire) mentre Agostinelli aspetta un portiere ed un attaccante.

Almeno.


Contatti:

Scrivi un commento

300

Contatti:
Caricamento...

Leggi anche