Sgomberata la Tacheles di Berlino. Un pezzo di storia che sparisce. - Notizie.it
Sgomberata la Tacheles di Berlino. Un pezzo di storia che sparisce
Cultura

Sgomberata la Tacheles di Berlino. Un pezzo di storia che sparisce

Artisti, performer, creativi. Il popolo “alternativo” del Tacheles, storico centro artistico occupato nel cuore di Berlino, sta per abbandonare il palazzo che abita dal 1990. I novemila metri quadri su cinque piani di Orianenburger Straße, muri coperti da graffiti, stencils e disegni, dovranno diventare uno stabile commerciale. Hsh Nordbank, la proprietaria, chiede da mesi che venga sgomberato e ieri è intervenuta la polizia. Gli artisti che abitavano il palazzo le avevano provate tutte: raccolte firme, fondi, campagne. Nemmeno i workshop e le mostre tenute da artisti di fama ormai internazionale hanno potuto fermare le macchine. Finiranno per strada le sculture, i dipinti, le cartoline e naturalmente gli occupanti.

1 / 9
1 / 9
Schermata 03-2456010 alle 12.36.20
Schermata 03-2456010 alle 12.36.12
Schermata 03-2456010 alle 12.36.06
Schermata 03-2456010 alle 12.36.00
Schermata 03-2456010 alle 12.35.53
Schermata 03-2456010 alle 12.35.47
Schermata 03-2456010 alle 12.35.39
Schermata 03-2456010 alle 12.35.33
Schermata 03-2456010 alle 12.39.08

Sono ormai anni che l’esistenza della galleria d’arte moderna simbolo di Berlino viene minacciata dalla banca HSH Nordbank, proprietaria dell’immobile, che vorrebbe demolire l’edificio e farne un hotel di lusso. Il fabbricato vive nel centro del quartiere Mitte ormai dall’inizio del secolo scorso. Da allora ha ospitato un centro commerciale, è stato un covo di SS negli anni più neri e ha retto ai bombardamenti della II Guerra mondiale.

Dopo la caduta del Muro un collettivo di artisti ha occupato lo spazio per evitarne la demolizione e si è trovata a gestire un centro sociale diventato presto molto altro: laboratorio di eccellenza artistica dove decine di artisti internazionali trovano lo spazio per sviluppare discorsi artistici che trascendono quello meramente politico ed esprimono l’universalità dell’umano.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche