Shin Godzilla: streaming, trama e cast personaggi
Lifestyle

Shin Godzilla: streaming, trama e cast personaggi

Godzilla

Shin Godzilla ritorna a far paura al Giappone e al mondo. Più evoluto e radioattivo che mai, distrugge mezza Tokyo facendo intervenire i governi di Giappone e Stati Uniti che riusciranno a fermarlo. Almeno in parte.

 
Torna la creatura simbolo del Giappone

Una sorta di ritorno al passato ha investito le sale cinematografiche in Giappone. Godzilla è tornato sul grande schermo in un reboot. Shin Godzilla è il nuovo film di Hideaki Anno e Shinji Higuchi uscito nel luglio del 2016 in Giappone, arrivato in Italia dal 3 luglio 2017.

Cast personaggi

Il cast del film vede i nomi di Jun Kunimura, Shinya Tsukamoto, Satomi Ishihara, Hiroki Hasegawa.

Il famoso mostro giapponese è nato nel lontano 1954 dalle scorie del nucleare. Godzilla diventa un’icona non solo in Giappone, ma in tutto il mondo. Da allora, sono state riprodotte più di trenta pellicole della gigantesca lucertola. Quest’ultima in ordine di apparizione ha riscontrato in patria un successo clamoroso. Con oltre di 70 milioni di incassi, diventa il film su Godzilla migliore di sempre.

Shin Godzilla (tradotto, Dio Godzilla), o Godzilla Resurgence come titolo internazionale, risulta essere una nuova calamità nata dalla vendetta della natura contro l’ignara umanità.

Trama del film

Durante una tranquilla giornata come tante altre, qualcosa nell’acqua inonda e distrugge la Baia di Tokyo.

In un primo momento le autorità smentiscono la presenza di un mostro comparso in un video virale. Ma, successivamente, una gigantesca creatura dall’acqua, compare sulla terraferma creando panico e scompiglio e portando distruzione ed una serie di vittime, prima di tornare in mare. Il vice capo segretario del Gabinetto in Giappone, Yaguchi, organizza prontamente una squadra fare ricerche sul mostro per combatterlo. Le ricerche mostrano la possibilità che la creatura possa trarre energia dalla fissione nucleare.

Intanto la Statunitense Kayoko Ann Patterson rivela le sue ricerche sull’attività di un certo Goro Maki che aveva studiato le possibili conseguenze delle mutazioni derivate dalle contaminazioni radioattive, profetizzando la comparsa di una creatura. Ma il governo degli Stati Uniti aveva insabbiato tutto e Goro Maki si era suicidato lasciando che le sue ricerche venissero trovate.
Nel frattempo la creatura si mostra nuovamente, mobilitando le Forze della Difesa giapponese. I loro attacchi risultano però inefficaci.

In questo momento di difficoltà, gli Stati Uniti si offrono di dare il loro aiuto ai giapponesi. In cambio, però, vogliono avere il totale accesso alla creatura del i loro studi e test; soluzione che il governo giapponese è costretto ad accettare. Si scatena quindi una feroce guerra contro il mostro: le bombe americane riescono a scalfirlo, ma Godzilla contrattacca con una serie di raggi atomici che distruggono buona parte della città di Tokyo. Nella battaglia, però, il mostro esaurisce tutte le forze, rimanendo, in questo modo, immobile e “spento”.

La squadra di Yaguchi analizzando il sangue e le placche della creatura teorizzano un modo per congelare definitivamente Godzilla, tramite un agente coagulante. Inoltre il mostro può vivere finché ci sono aria e acqua e riprodursi asessualmente. Le Nazioni Unite sono spaventate da tutto questo e avanzano l’idea di usare un’arma termonucleare. Ma il Giappone rivede i fantasmi del passato.

Ann Patterson riesce a prendere tempo per dare modo alla squadra di Yaguchi di completare il piano di congelamento ed evitare un nuovo incubo nucleare.

Nonostante molte perdite di uomini, il piano va a buon fine: Godzilla viene congelato. Ma in caso di risveglio, il Giappone sa che il lancio di una testata termonucleare è inevitabile.

Il pericolo è scampato, ma forse una nuova minaccia è in agguato..

Attualità e critica

Il nuovo Godzilla prende sicuramente ispirazione dall’incidente nucleare di Fukushima. Non manca, inoltre, di una sottile critica e satira politica.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche