×

Siccità, le autorità del Po: “Senza neve e senza acqua, la tempesta perfetta”

Meuccio Berselli, segretario generale dell'Autorità distrettuale del fiume Po-Mite, ha lanciato l'allarme sulla siccità.

Siccità

Meuccio Berselli, segretario generale dell’Autorità distrettuale del fiume Po-Mite, ha lanciato l’allarme sulla siccità.

Siccità, le autorità del Po: “Senza neve e senza acqua, la tempesta perfetta”

Meuccio Berselli, segretario generale dell’Autorità distrettuale del fiume Po-Mite, ha lanciato l’allarme in un aggiornamento sulla situazione di grave siccità del bacino padano.

Non è ancora cominciata l’estate e siamo in assenza di risorse idriche” ha dichiarato Berselli, aggiungendo che si tratta della “tempesta perfetta“. “Perché negli ultimi 6-8 mesi la neve dell’inverno ha raggiunto un picco di meno 60-70%, influendo negativamente sullo stoccaggio dell’acqua necessaria al riempimento dei grandi laghi regolati. Secondo, non piove nel bacino padano da almeno 120 giorni. Terzo, le temperature sono più alte di 3-4 gradi rispetto alla media del periodo” ha aggiunto.

Per affrontare l’allarme siccità al Nord e avere il supporto della Protezione Civile, le Regioni chiederanno lo stato di emergenza, come emerso dalla Conferenza delle Regioni. Lo stato di emergenza e il razionamento dell’acqua vengono invocati anche per scongiurare la chiusura di parchi acquatici, piscine o fontane monumentali. Per il momento non risultano particolari criticità per le centrali idroelettriche. La situazione per il momento è sotto controllo. 

Settore agricolo in difficoltà

La siccità sta mettendo a dura prova il settore agricolo. “Credo sia necessario un percorso di avvicinamento, scandito nel tempo in modo intelligente, all’obbligo assicurativo” ha dichiarato Stefano Patuanelli, ministro delle Politiche agricole, in autizione alle Commissioni riunite Agricoltua e Senato. La richiesta di riconoscimento dello stato di emergenza e di calamità devono “viaggiare insieme“, ha spiegato, annunciando di aver convocato una riunione. Il conto dei danni sale a 3 miliardi di euro, come riportato dalla Coldiretti.

Contents.media
Ultima ora