×

Sifilide a Genova 300 nuovi casi nel 2010

Una malattia di cui ci siamo un po’ dimenticati, la sentiamo nominare nei romanzi o nei film, eppure c’è e colpisce ancora: è la sifilide. A Genova ci sono stati ben 300 nuovi casi dall’inizio dell’anno più dell’HIV, una tendenza che conferma i dati nazionali. Secondo l’epidemiologo dell’Università di Genova, Giancarlo Icardi, la diffusione della malattia sta soprattutto nel fatto che si sono abbassate le attenzioni nei confronti del problema, che spesso viene sottovalutato.

La sifilide è una malattia sessualmente trasmissibile, provocata dal batterio “treponema pallidum”. Il contagio avvinene durante il rapporto sessuale con una persona infetta, specialmente se sono presenti lesioni a livello genitale. I sintomi, tuttavia, possono manifestarsi anche 12 settimane dopo il rapporto e sono difficili da riconoscere, perchè simili ad una banale influenza, cui talvolta seguono macchie sulla pelle.

La malattia si cura con l’antibiotico, ma se non viene trattata in tempo e raggiunge lo stadio avanzato può portare gravi conseguenze: infezioni alle ossa, alle articolazioni, danni al sistema cardiovascolare e a quello nervoso centrale, problemi al cervello e cecità.

Scrivi un commento

1000

Leggi anche