×

Silvio Berlusconi, le gaffe e le figuracce del Cavaliere

Silvio Berlusconi è famoso in Italia e nel mondo non solo per il suo impegno politico a capo di Forza Italia, ma anche per le sue numerose gaffe.

Silvio Berlusconi gaffe

Premier per 4 volte, parlamentare in 6 legislature, padre e nonno, patron del Monza dopo l’epopea rossonera. Nato il 29 settembre 1936, Silvio Berlusconi vanta una lunga e ricca carriera. Negli anni il Cavaliere ha fatto parlare di sé non solo per l’impegno politico ai vertici di Forza Italia, il suo partito, ma anche per le vicissitudini giudiziarie, gli scandali, la vita privata, la famiglia, lo sport, la tv.

Ma ad aver contribuito a rendere grande la notorietà di Silvio Berlusconi in Italia e all’estero sono anche le sue numerose gaffe.

Silvio Berlusconi, dalle gaffe alla vita privata

Primogenito di una famiglia della piccola borghesia milanese, è nato nel capoluogo lombardo e ha trascorso la sua infanzia nel Basso Varesotto, prima a Saronno e poi a Lomazzo. Dopo la maturità classica, presso il liceo Sant’Ambrogio di Milano, ha frequentato la Facoltà di Giurisprudenza alla Statale, dove si è laureato con la lode.

Successivamente, nel 1991, ha ricevuto la laurea honoris causa in Ingegneria gestionale dall’Università della Calabria. 

Berlusconi ha fatto molto parlare di sé per via della sua vita privata. Si è sposato nel 1965 con Carla Elvira Lucia Dall’Oglio, con la quale ha avuto due figli: Marina nel 1966 e Pier Silvio nel 1969.

Negli anni Ottanta conosce al Teatro Manzoni di Milano l’attrice Veronica Lario. Dopo vent’anni di matrimonio, nel 1985, divorzia dalla prima moglie e ufficializza il rapporto con Veronica, con la quale arriverà all’altare nel 1990. La coppia ha avuto due figli Barbara (1984), Eleonora (1986) e Luigi (1988). Nel 2012 arriva la separazione, a sua volta molto discussa e chiacchieratissima. 

I riflettori si sono accesi anche sulla love story tra Berlusconi e Francesca Pascale, classe 1985, di origini napoletane. La loro relazione si è conclusa nel 2019, ma la rottura è stata ufficializzata il 5 marzo 2020, attraverso una nota di Forza Italia. Al suo fianco, al momento, ci sarebbe una deputata di Forza Italia, classe 1990, Marta Antonia Fascina.

L’ex premier leader di Forza Italia si è fatto conoscere per le sue vicende amorose, per il suo impegno politico, nell’edilizia e in televisione. Ma tutti si ricordano delle sue gaffe, spesso simpatiche e ironiche e che, in altri casi, hanno suscitato diverse polemiche.

Silvio Berlusconi, tutte le gaffe e le figuracce

In molti ricorderanno quanto accaduto al Parlamento europeo di Strasburgo nel 2003. In quell’occasione Silvio Berlusconi ha attaccato l’allora deputato Spd tedesco Martin Schulz, dicendo: ”In Italia stanno girando un film sui lager nazisti. La proporrò per il ruolo di Kapò”.

Ha fatto ridere tutti il gesto scherzoso dell’ex Cavaliere a Rapallo, che fa le corna a un bambino con il quale si scatta una foto, dandogli consigli sulla cifra a cui avrebbe dovuto vendere i selfie e le foto autografate.

Nel 2008, invece, durante il vertice italo-tedesco di Trieste il premier ha giocato a nascondino con Angela Merkel, che in un’altra occasione ha dovuto aspettarlo mentre era impegnato in una conversazione telefonica. Non sono mancate le battute neppre con altri leader politici europei. In molti hanno ascoltato le parole di Berlusconi pronunciate in una conferenza stampa del 2006. “Io ti ho dato la tua donna”, ha detto riferendosi a Carla Bruni e rivolgendosi all’allora presidente francese Sarkozy.

Anche nel 2010 non sono mancate le gaffe con altri leader europei. È quanto successo con Zapatero, allora premier spagnolo, che Berlusconi ha lasciato da solo nella Sala Galeoni di Palazzo Chigi, dove si rilasciano le dichiarazioni congiunte alla stampa al termine dei colloqui con governatori stranieri. Berlusconi si è lasciato andare ad altre gaffe con celebri personaggi spagnoli. Non ha rispettato i protocolli reali, toccando il re Juan Carlos, al quale si era avvicinato per dirgli qualcosa. Tuttavia, re e regine non si possono toccare né si può stringere loro la mano, eccetto nel caso in cui siano loro a fare la prima mossa.

Silvio Berlusconi, le gaffe “peggiori” secondo il Time

Nel 2012 il Time aveva selezionato 10 “peggiori gaffe” che vedono protagonista Silvio Berlusconi. Tra queste:

  • Era il primo anno del 2009 e l’allora capo del governo, al telefono con Gianpaolo Tarantini, imprenditore barese indagato nel fascicolo d’inchiesta sul presunto giro di escort portate a Palazzo Grazioli, racconta la sua serata di Capodanno. Secondo l’intercettazione pubblicata sul Corriere della Sera, avrebbe detto: “Ieri sera avevo la fila fuori dalla porta della camera. Erano in undici. Io me ne son fatte solo otto perché non potevo fare di più. Non si può arrivare a tutto”.
  • Il 2 novembre 2010, nel periodo in cui si dibatteva del caso Ruby, dal Salone del ciclo e motociclo alla Fiera di Milano, Berlusconi commenta la vicenda che lo vede a processo per prostituzione minorile e concussione. Il Cavaliere avrebbe dichiarato: “Sono fatto così da sempre: qualche volta mi capita di guardare in faccia una bella ragazza, ma è meglio essere appassionato di belle ragazze che gay”.
  • Dopo il terremoto dell’Aquila, alla televisione tedesca N-TV l’allora Presidente avrebbe detto: “Certo, si tratta di alloggi temporanei. Ma lo dovrebbero prendere come un weekend di campeggio”.
  • Il 24 settembre 2003, a Wall Street davanti a una platea scelta di imprenditori italiani e americani, Silvio Berlusconi ha dichiarato: “L’Italia è un paese straordinario per fare investimenti. Oggi ci sono molti meno comunisti in Italia: sono al 16% anche se negano di esserlo mai stati. Un altro motivo per investire in Italia è che abbiamo bellissime segretarie“.
  • Dopo l’incontro con l’ex presidente americano Obama e la First Lady, Berlusconi ha commentato: “Vi porto i saluti di uno che si chiama… Uno abbronzato… Ah, Barack Obama. Voi non ci crederete, ma sono andati a prendere il sole in spiaggia in due, perché è abbronzata anche la moglie”. Anche in seguito all’elezione del 2008, aveva parlato del presidente degli Usa come “giovane, bello e abbronzato”.
  • In seguito all’attentato alle Torri Gemelle, l’ex Cavaliere ha commentato: “Noi dobbiamo essere consci della superiorità della nostra civiltà, che consiste di un sistema di valori che ha dato alla gente una diffusa prosperità nei paesi che l’hanno abbracciata e garantisce rispetto per i diritti umani e le religioni. Questo rispetto di sicuro non esiste nei Paesi islamici”
  • A un giornalista spagnolo che lo aveva interpellato per commentare lo scandalo sessuale che lo vedeva coinvolto, rispose: “Credo sinceramente di essere stato e di essere di gran lunga il miglior presidente del Consiglio che l’Italia abbia potuto avere in 150 anni della sua storia”.
Contents.media
Ultima ora