×

Simona Ventura censurata su Instagram: “Era un messaggio di solidarietà per Greta Beccaglia”

Simona Ventura ha subìto la censura ad un post via social in cui voleva esprimere la sua solidarietà verso Greta Beccaglia.

Simona Ventura

Simona Ventura ha confessato via social di aver subito per la prima volta la censura di Instagram per un post che voleva semplicemente essere a sostegno di Greta Beccaglia, la giovane giornalista che ha subìto molestie da parte di alcuni tifosi al termine della partita Empoli-Fiorentina.

Simona Ventura censurata su Instagram

Simona Ventura aveva scritto un post in solidarietà di Greta Beccaglia, la giornalista di Toscana Tv che nei giorni scorsi ha subìto molestie al termine di una partita Empoli-Fiorentina. Anche se non ne è chiaro il motivo il post di Simona Ventura sarebbe stata censurata da Instagram, e a seguire è stata la stessa conduttrice ha svelare quanto accaduto: 

“Oggi ho pubblicato un post di solidarietà a Greta Beccaglia e questa è stata la risposta di Instagram… Non sono queste le cose che andrebbero censurate! C’è sempre una prima volta… Comunque…”, ha affermato Simona Ventura nella didascalia al suo post.

Simona Ventura: le molestie e Greta Beccaglia

Nelle ultime ore motlissimi volti più o meno noti del mondo dello spettacolo hanno espresso la loro solidarietà nei confronti di Greta Beccaglia, che ha subìto le molestie di alcuni tifosi mentre era in diretta tv. Sulla vicenda si sono espresse anche Chiara Ferragni, Andrea Delogu e Diletta Leotta, mentre la giornalista si è sfogata pubblicamente per quanto accaduto.

Simona Ventura: lo sfogo di Greta Beccaglia

In queste ore Greta Beccaglia ha sporto denuncia contro uno dei responsabili delle molestie ai suoi danni individuato dalla polizia. 

“Mi sono sentita oltraggiata, violata. Per quella persona ero come un palo da prendere a calci per sfogare la propria rabbia. Non erano tifosi, erano carnefici Ma vuole sapere la dinamica precisa? Prima si è sputato sulla mano e poi mi ha dato uno schiaffo sul sedere, forte, violento, che ha fatto male anche fisicamente”, ha affermato la giornalista, e ancora: “Mi sono anche sentita in colpa.

Mi sono detta che quei jeans non dovevo metterli, che non dovevo andare dove escono i tifosi. Mi sono anche chiesta se avevo qualcosa di sbagliato”. La giornalista ha dichiarato anche di esser stata sconvolta per quanto accaduto e di essere intenzionata a denunciare. “Dopo l’aggressione ero sconvolta. Ma cercavo di mantenere un atteggiamento professionale per rispetto nei confronti dei telespettatori, sono fatta così. Sono stato due minuti e mezzo di collegamento tremendi”

Contents.media
Ultima ora