×

Sindaco di Chiavari morto a 50 anni per un malore improvviso: poco prima l’ultimo post

Il sindaco di Chiavari è morto a 50 anni per un malore improvviso: accasciatosi a terra privo di sensi, per lui non c'è stato nulla da fare.

Sindaco Chiavari morto

Tragedia a Chiavari, dove il sindaco Marco di Capua è morto improvvisamente a 50 anni dopo aver accusato un malore: si stava accingendo a partire per le vacanze con la moglie e i figli quando ha perso i sensi nella sua abitazione e si è accasciato a terra.

I sanitari del 118 lo hanno subito trasferito al Pronto Soccorso dell’ospedale di Lavagna ma l’uomo vi è arrivato già privo di sensi.

Sindaco di Chiavari morto

Lo abbiamo salutato dopo pranzo. Ha sorriso e ci ha detto di non disturbarlo con i messaggi, perché voleva godersi una settimana di vacanze con i suoi bimbi. Invece siamo qui, e non riusciamo a crederci“, ha raccontato il presidente del consiglio comunale Antonio Segalerba.

Secondo quanto ricostruito Di Capua si sarebbe sentito male nella sua abitazione. Dopo aver visto il marito accasciarsi a terra, la moglie ha chiamato immediatamente i soccorsi che, giunti sul posto, hanno tentato di rianimarlo.

Lo hanno quindi trasportato d’urgenza in ospedale dove l’uomo è però arrivato già privo di vita. Al momento non sono chiare le cause del decesso, per chiarire le quali potrebbe essere disposta un’autopsia.

Stando a quanto appreso il sindaco non soffriva di patologie pregresse.

Sindaco di Chiavari morto: il cordoglio della politica

Con lui se ne va un sindaco giovane ma che in questi anni ha dimostrato di essere un primo cittadino esperto e capace“, ha affermato il governatore della Liguria Giovanni Toti. A lui ha fatto eco il segretario della Lega Matteo Salvini: “Prima di essere un bravo sindaco innamorato della sua Chiavari, era una bella persona“.

Sindaco di Chiavari morto: avrebbe voluto ricandidarsi

Il primo cittadino, che aveva vinto le elezioni nel 2017, aveva già annunciato di volersi ricandidare nelle elezioni in programma per la primavera del 2022. Dopo l’esordio in politica nei primi anni duemila come assessore al Bilancio nella Giunta comunale guidata dall’allora sindaco Vittorio Agostino, durante il suo primo mandato si era sdoppiato tra la professione di commercialista e il ruolo di sindaco. Noto e stimato dai concittadini, lascia la moglie Michela e due figli, due gemelli dell’età di 6 anni. .

Contents.media
Ultima ora