Smerigliatrice elettrica: le migliori da acquistare
Smerigliatrice elettrica: le migliori da acquistare
Tecnologia

Smerigliatrice elettrica: le migliori da acquistare

smerigliatrice

Forse non tutti sanno quali e quanti lavori può svolgere una smerigliatrice, non solo in ambito professionale, ma anche in una dimensione più domestica.

Smerigliatrice elettrica: cosa è, e a cosa serve

Conosciuta anche come mola o molatrice, una smerigliatrice – che sia meccanica o elettrica – è uno strumento utilizzato in campi specifici come falegnameria, carpenteria, edilizia e siderurgia, e serve a effettuare lavori di smerigliatura; vale a dire, sbavatura, smussatura di angoli, levigatura di superfici, e tutto ciò che ha a che fare con la creazione di parti lisce e prive di irregolarità su materiali duri o parti di essi. Esistono smerigliatrici di vario tipo, con funzioni più o meno articolate a seconda dei modello e della destinazione d’uso, e che svolgono il proprio lavoro mediante diverse tipologie di movimento (rotatorio, oscillatorio, ondulatorio, combinato).

Smerigliatrice elettrica: criteri di selezione

Quali caratteristiche dovrebbe possedere una smerigliatrice elettrica – tralasciamo le ormai obsolete, e pressoché non più utilizzate, smerigliatrici meccaniche – di buona qualità per essere considerata tale? Togliendo le caratteristiche, diciamo così, di default, come il rapporto tra prezzo e prestazioni, i consumi e il coefficiente di usura, una smerigliatrice di valore punta soprattutto sulla qualità dei materiali (in linea generale, il diamante è quello in grado di abradere anche le superfici più resistenti), capaci di produrre abrasioni uniformi e precise.

Altra qualità importante è data dalla potenza del motore interno: più questo è in grado di produrre alte frequenze, maggiore sarà la precisione e l’accuratezza della molatura. Inoltre, una buona smerigliatrice deve essere in grado di produrre molature di diverso tipo, dalla lavorazione a filo lucido (la più classica) alle bisellature più complesse ed elaborate.

Ciò premesso, nelle righe che seguono prenderemo in esame alcuni dei migliori esemplari di smerigliatrice elettrica tra quelli attualmente disponibili sul mercato. Ovviamente, i suggerimenti che trovate qui di seguito valgono anche come consigli per gli acquisti, tenendo conto delle varie necessità che possono presentarsi, sia quelle di alto profilo dei professionisti del settore, sia quelle più modeste di chi ha bisogno di un valido e affidabile coadiuvante di natura domestica.

– Makita BGA452RFE

La marca in questione, specializzata in utensili professionali di vario tipo, con sede in Giappone e sul mercato da poco più di un secolo, è forse, a oggi, l’azienda leader per quanto riguarda le smerigliatrici, quindi non è l’ultima volta che troverete il suo nome in questa carrellata.

Questo prodotto è una smerigliatrice professionale di altissimo profilo che può funzionare anche a batteria, con conseguente e notevole incremento della maneggevolezza. Impugnatura ergonomica, una relativa leggerezza, grande precisione nel lavoro e una notevole varietà di opzioni a disposizione.

– Gowe GWE 1032064

Altro prodotto di classe alta, è forse quello con l’impugnatura più ergonomica e maneggevole. Leggera e potente, questa smerigliatrice garantisce lavori di grande precisione, anche su superfici di dimensioni ridotte. Il prezzo non è particolarmente amichevole, almeno a un primo sguardo, ma in rapporto alle prestazioni è praticamente un affare.

– Makita GA4530

Ancora una smerigliatrice prodotta dalla già citata casa giapponese. Questa volta parliamo di uno strumento dai costi contenuti, ovviamente realizzato con materiali meno performanti e duraturi (anche se, in fin dei conti, tutto dipende dall’utilizzo che si fa dell’utensile). Più adatto ai classici lavoretti in casa che a un utilizzo professionale (leggi: quotidiano).

– Bosch GWS 7-125

L’azienda con sede in Germania offre da sempre un catalogo di utensileria di primissimo ordine, anche quando tratta apparecchi di media o medio-bassa levatura.

Questo strumento, ad esempio, fonde perfettamente prestazioni elevate, costi contenuti e una serie di funzioni molto prossime a una dimensione professionale. Piccola e maneggevole, forse poco adatta a lavorare grandi superfici, ma dall’affidabilità più che garantita. Al prezzo al dettaglio cui viene venduta, è un vero affare.

– Ryobi RAG 800-g

Un’altra prolifica azienda giapponese propone uno strumento appartenente a una fascia medio-bassa di prezzo, dalla potenza notevole per essere uno strumento dalla vocazione perlopiù casalinga. Anche questa, infatti, è più una smerigliatrice da lavoretti in casa, non propriamente adatta a un utilizzo professionale, ma se adoperata cum grano salis potrà dare notevoli soddisfazioni agli acquirenti.

– Mannesmann M12320

In questo caso, parliamo invece di un apparecchio che non lascia adito a dubbi di alcun genere: trattasi infatti di una smerigliatrice dalla potenza notevolmente ridotta (220 Watt sono pochi anche per un apparecchio domestico), utile soprattutto a coloro che devono realizzare piccoli lavoretti su materiali non troppo resistenti (ad esempio il legno). Adatta soprattutto – per non dire solamente – a coloro che devono realizzare smerigliature minimal: per questi, visto anche il prezzo, si tratta sicuramente di un affare.

– Makita GA9020

Molto potente – 2200 Watt – e in grado di sobbarcarsi una grande mole di lavoro senza subire surriscaldamenti o cedimenti strutturali, questo prodotto è adatto sia a lavori di tipo professionale che a un più modesto impiego domestico.

Certo, non si tratta di un utensile molto maneggevole, e l’assenza di alimentazione wireless può essere un intralcio di non trascurabile entità, soprattutto in considerazione della massa complessiva dell’oggetto. Ma se cercate uno strumento che possa accompagnarvi in qualsiasi situazione, anche in condizioni di lavoro “estreme”, avete trovato ciò che fa per voi.

– Ribitech PRM230/2200

Anche in questo caso, ci troviamo al cospetto di uno strumento tanto potente quanto pesante, che necessita di braccia robuste per essere maneggiato con un quid minimo di agilità. Se si possiede la forza sufficiente a bypassare questo inconveniente, si disporrà di una smerigliatrice tanto performante quanto affidabile, perdipiù a un costo estremamente competitivo.

– Mannesmann M12333

Per un prezzo che, al netto di pur minime oscillazioni, può tranquillamente definirsi stracciato, avete la possibilità di portarvi a casa una smerigliatrice a oscillazione di primo livello, adatta a lavori su piccole superfici e materiali non troppo coriacei, ma dalla precisione e dall’accuratezza difficilmente riscontrabili in prodotti analoghi.

Leggera e maneggevole, è un perfetto compendio per bricolage di alto livello o piccoli lavori in casa.

– Skil 9005AA

Con una scocca dal bel colore nero antracite, questo utensile si propone come un valido compromesso tra maneggevolezza e prestazioni. L’ergonomia e i consumi estremamente ridotti sono tra i suoi principali punti di forza. Prodotto da una storica azienda fondata a New Orleans nel 1921, partita come casa produttrice di strumenti da taglio per l’agricoltura e oggi divenuta uno dei fari nel ramo dell’utensileria elettrica.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche